Coronavirus, parla il titolare del Cavalluccio Marino a Politica Termitana: “Abbiamo subito denunciato il fatto”

Condividi questo articolo



Parla per la prima volta in diretta telefonica a Politica Termitana, il titolare del Cavalluccio Marino, Tommaso Napoli, che, intervistato da Angelo Neri, ha confermato la presenza nel suo ristorante del termitano di settant’anni e dell’anziano di Lascari risultati positivi al Covid 19 (clicca qui per approfondire).

“Posso confermare che i due sono stati nel mio ristorante. Abbiamo subito denunciato il fatto alle autorità  competenti e abbiamo seguito il protocollo – ha detto Tommaso Napoli  -. Adesso io ed il mio staff siamo in quarantena. La situazione è drammatica e ho ritenuto giusto da subito fare il mio dovere ed informare tutti, soprattutto coloro che sono stati al ristorante”.  

Ricordiamo, infatti, che con un post su Facebook, datato 5 marzo 2020, il titolare ha informato: «Si avvisa che la gentile clientela che il 5 marzo scorso al ristorante abbiamo avuto un commensale seduto con altre sette persone. Due giorni fa, hanno appreso che ha il corona virus. Le altre sette persone sedute con lui non hanno sintomi di qualsiasi tipo. Gli operai del ristorante il cavalluccio marino non hanno sintomi. Questo non sono io a dirlo ma già ci siamo fatti identificare. Ribadisco il fatto che le sette persone sedute con lui stanno tutte bene e che non sono sicure che al momento della cena aveva il corona virus. Io come titolare dell’azienda ho dato la notizia pubblica sui social e ho dato il permesso di divulgazione. Ho saputo pure dalle persone sedute con lui che questo signore è stato nei giorni seguenti in altri due ristoranti. Quindi, invito i titolari di queste aziende a rendere pubblica la notizia con la salute non si scherza. AVVISO pure i clienti che da domani il locale sarà sanificato da esperti».

Nell’intervista rilasciata al titolare della pagina Facebook, Angelo Neri, il ristoratore ha anche confermato la presenza del termitano di settant’anni risultato positivo al Covid 19. “Ringrazio il sindaco di Trabia, le forze dell’ordine, i carabinieri della locale stazione che ci sono stati vicino ed ci hanno consigliato sul percorso giusto da seguire. I danni ovviamente per la nostra azienda sono tanti, ma il bene comune adesso è la priorità”, ha concluso Tommaso Napoli.

Ad oggi sono i tre casi a Termini Imerese confermati dalle autorità in modo ufficiale. Clicca qui per leggere il comunicato del commissario straordinario sul terzo caso. 

L’intervista in diretta

https://www.youtube.com/watch?v=1RJM9B_08Sg

 





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *