La Polizia di Stato con l’inizio del nuovo anno, dando continuità al suo impegno al fianco dei cittadini, ha proseguito con i servizi straordinari di controllo del territorio riconducibili al protocollo di sicurezza denominato Alto Impatto disposti dal Questore della provincia di Palermo, Leopoldo Laricchia, orientati non solo alla prevenzione dei reati in genere, ma anche al contrasto, attraverso accertamenti di natura amministrativa, dell’abusivismo commerciale.

Sotto la lente d’ingrandimento, in provincia, sono stati i luoghi di aggregazione, anche giovanile e le aree più a rischio sotto il profilo dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Particolare attenzione è stata, inoltre, rivolta alle zone maggiormente interessate dal fenomeno della movida, al fine di garantire e fornire una cornice di sicurezza agli esercenti di locali pubblici che insistono nei centri in provincia e prevenire eventuali episodi di violenza .

Detti servizi di prevenzione e controllo del territorio hanno interessato il litorale orientale, da Bagheria a Termini Imerese fino a Cefalù e quello occidentale con controlli lungo l’area residenziale di Terrasini.

Riscontri e verifiche sono stati effettuati in alcuni esercizi commerciali lungo il territorio di Campofelice di Roccella, e in alcuni di essi ci sono accertamenti in corso al vaglio della polizia amministrativa.

Nel corso dell’ultima settimana, con le suddette operazioni, che hanno visto schierate consistenti aliquote di poliziotti appartenenti ai Commissariati di P.S. competenti territorialmente, rispettivamente di Bagheria, Termini Imerese, Cefalù e Partinico ed al Reparto Prevenzione Crimine, sono state identificate complessivamente587 persone, di cui 96 con precedenti di polizia, controllate 373 vetture, elevate 18 sanzioni al codice della strada e sottoposto a sequestro amministrativo 4 veicoli.

Servizi straordinari di controllo del territorio in ambito metropolitano sono previsti per il prossimo week end.

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!