Due gemelli siciliani muoiono lo stesso giorno a diversi chilometri di distanza




Si dice che i gemelli hanno un legame forte e indissolubile.

Quello che è accaduto a Mariano e Giuseppe è qualcosa di incredibile.

I due erano entrambi siciliani, rispettivamente uno prete e uno carabiniere.

 Una tragica fatalità avvenuta a mille chilometri di distanza.

I due gemelli sono morti, all’età di 84 anni, nello stesso giorno a distanza di dodici ore l’uno dall’altro e a mille chilometri di distanza.

I due, infatti, vivevano uno in Emilia Romagna e uno in Sicilia, avevano origini siciliane.

Mariano e Giuseppe erano originari di Campobello di Licata, nell’agrigentino, il primo si è spento nella mattina di domenica scorsa a Reggio Emilia dove per oltre vent’anni è stato maresciallo maggiore dei Carabinieri al comando provinciale dell’Arma.

Era ricoverato da diversi giorni per un’infezione.

Il secondo, che da tempo lottava contro un tumore, è deceduto poco dopo, nel pomeriggio ad Agrigento, città nella quale era parroco nella chiesa della Beata Vergine Mediatrice nonché condirettore del giornale “L’amico del popolo” e scrittore di romanzi.

“E come se si fossero aspettati – ha raccontato Patrizia, figlia di Mariano – Quando ho saputo di mio zio, poco dopo la morte di mio padre ho pensato a quello che si sente spesso dire riguardo alla ‘telepatia dei gemelli’.

I due fratelli avevano un legame fortissimo.

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!