Grave la situazione all’hotspot di Lampedusa, materassi sporchissimi, in ogni angolo dell’hotspot sia all’interno che all’esterno. 

Ammassi di rifiuti, tra resti alimentari, cartacce e bottiglie di plastica.

Vestiti abbandonati ovunque e una distesa di bottiglie di plastica lungo i corridoi che portano ai bagni dove è praticamente impossibile entrare a causa dei bisogni fisiologici e dell’odore nauseabondo.

Questa è la situazione attuale in cui versa l’hotspot di Lampedusa dove ci sono, al momento, 1.878 persone, a fronte di poco meno di 350 posti disponibili.

“Sono tutti ammassati, ci sono anche donne, quattro sono gravide, bambini, malati e bisognosi di cure che dormono per terra dove pure mangiano, tra i rifiuti – ha scritto l’ex sindaco delle isole Pelagie Giusi Nicolini – . I posti letto sono meno di 200. Queste immagini potrebbero essere della Libia. Ma no, è l’Italia”.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.