Senatrice Russo: “Importanti passi avanti all’Ars per la tutela dei diritti degli animali”

IL RESOCONTO DELLA SENATRICE LOREDANA RUSSO SUL CONFRONTO AVVENUTO ALL’ARS A TUTELA DEGLI ANIMALI

Condividi questo articolo



Nella sala Mattarella dell’ARS si è svolto un importante momento di confronto fra vari attori istituzionali deputati alla tutela dei diritti degli animali e, soprattutto al contrasto dei fenomeni di maltrattamento, anche nell’ottica dell’istituzionalizzazione della figura del Garante regionale dei diritti degli animali.
 
Il tavolo, che ho organizzato in collaborazione con il dott. Giovanni Giacobbe, consulente della Commissione parlamentare speciale sul fenomeno del randagismo in Sicilia, ha visto fra i partecipanti rappresentanti dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della DIA, dei Vigili del Fuoco, della Polizia Municipale nonché veterinari e funzionari del DASOE ovvero il Dipartimento regionale delle Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico.

1

Immagine 1 di 3

 
Presente anche l’On. Salvatore Siragusa, vicepresidente della Commissione parlamentare speciale sul fenomeno del randagismo, che ha fornito il suo prezioso contributo in merito ai contenuti della legge regionale in corso di esame, che si spera venga promulgata al più presto.
 
A tal ultimo proposito il Presidente dell’ARS, On. Gianfranco Miccichè, si è impegnato a trovare nella prossima legge di bilancio le risorse necessarie per l’approvazione della stessa.
 
«Mi ritengo soddisfatta dell’incontro – ha affermato la senatrice termitana Loredana Russo – perchè i risultati si ottengono solo grazie alla interlocuzione tra le varie componenti preposte al contrasto dei fenomeni di maltrattamento: istituzioni, forze dell’ordine, Asp, associazioni animaliste e cittadini e la Sicilia ha bisogno di interventi urgenti e fattivi che solo grazie al nuovo strumento normativo in via di approvazione e a nuove risorse umane, oltre che economiche, possono garantire».


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *