Palermo, Avanti Insieme e Pd: “Occorrono anche investimenti in grado di supportare la domanda di nuova mobilità”

Condividi questo articolo

I consiglieri comunali dei gruppi Avanti Insieme e Pd del comune di Palermo hanno inviato una lettera al sindaco, Leoluca Orlando e agli assessori dove si pone l’attenzione per “alcune riflessioni e proporre un punto di vista nuovo in grado di, da una parte raccogliere le esigenze imposte dalla nuova domanda di mobilità e, dall’altra superare l’attesa di strumenti di pianificazione dell’offerta infrastrutturale sterilizzati da un articolato iter amministrativo.

Condividi questo articolo






I consiglieri comunali dei gruppi Avanti Insieme e Pd del comune di Palermo hanno inviato una lettera al sindaco, Leoluca Orlando e agli assessori dove si pone l’attenzione per “alcune riflessioni e proporre un punto di vista nuovo in grado di, da una parte raccogliere le esigenze imposte dalla nuova domanda di mobilità e, dall’altra superare l’attesa di strumenti di pianificazione dell’offerta infrastrutturale sterilizzati da un articolato iter amministrativo. Tale impostazione riguarda, in primis, il contesto della Città Metropolitana di Palermo ma anche, con opportune differenziazioni, territori più vasti o semplicemente più complessi dal punto di vista infrastrutturale (ambito regionale o sovraregionale)“.

Il quadro degli interventi essenziali per una nuova piattaforma del trasporto urbano verso una transizione sostenibile sono, dunque, alla base lettera che i consiglieri comunali di Avanti Insieme, Salvatore Orlando, presidente del Consiglio Comunale, Valentina Chinnici, Paolo Caracausi, Claudia Rini, Antonino Sala, Massimiliano Giaconia, e del PD, Rosario Arcoleo e Milena Gentile.

In tema di discussione, emergono dieci proposte di intervento con riferimento specifico al sistema di trasporto nell’ambito della Città Metropolitana di Palermo, “al fine di sfruttare appieno le potenzialità oggi disponibili in una logica di transizione sostenibile, occorrono anche investimenti in grado di supportare la domanda di nuova mobilità“:

Piano Straordinario delle Manutenzioni Stradali, alla realizzazione della rete di ricarica dei veicoli elettrici su scala urbana e di ambito metropolitano, incentivi erogati dall’Amministrazione Pubblica per la diffusione di biciclette a pedalata assistita e redazione di un Piano del BiketoMove. Diffusione di tutti i servizi digitali di ausilio al TPL (APP per la biglietteria, APP per la geo-localizzazione dei mezzi di trasporto, APP per la diffusione del CAR Pooling, etc.), revisione del modello di tariffazione degli stalli di sosta senza aggravio per le risorse dell’Amministrazione, estensione adeguata delle ZONE 30 all’interno della viabilità di quartiere, degli assi pedonali istituiti attraverso il PGTU o sulla rete delle piste ciclabili, introduzione del CARGO BIKE, attuazione di un Piano delle Mobilità dei Dipendenti Comunali e impulso alla conversione elettrica delle infrastrutture portuali gestite dall’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale.

Continuando, i consiglieri di Avanti Insieme e Pd sottolineano come “l’emergenza sanitaria determinata su scala globale dalla pandemia demolisce numerosi principi consolidati negli ultimi 20 anni nel campo della mobilità e questo è occasione per semplificare i criteri con cui scegliere i modelli di sviluppo delle infrastrutture e dei trasporti. In termini di slogan, si ritiene da più parti che sia il momento adatto per pensare ad una “transizione sostenibile dei trasporti”, proponendo due “pilastri indiscutibili sui quali costruire la transizione, ovvero la trasformazione digitale e la trasformazione Green“.








Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *