Condannato ex giocatore della Juventus: Manolo Portanova per violenza sessuale di gruppo FOTO




Manolo Portanova, ex giocatore della Juventus, attualmente  calciatore del Genoa, è stato condannato a 6 anni di reclusione dal tribunale di Siena per violenza sessuale di gruppo.

Il giocatore è accusato di aver abusato di una ragazza in un appartamento nel centro storico della città toscana.

Il fatto avvenne la notte fra il 30 e il 31 maggio 2021.

Condannato alla stessa pena anche lo zio del giocatore: entrambi hanno scelto il rito abbreviato.

Il terzo indagato,  invece ha optato per il rito ordinario, è stato rinviato a giudizio alla fine dell’udienza preliminare.

La giovane vittima denunciò di essere stata abusata dai tre, durante una festa privata.

Manolo Portanova ha assistito di persona all’udienza, vicino a lui i suoi difensori.

Il Gup Ilaria Cornetti ha accolto tutte le richieste dell’accusa, sostenuta dal PM Nicola Marini, contro il giocatore napoletano di 22 anni, ex della Juventus.

3

Immagine 1 di 4

Oltre alla condanna di 6 anni, il giudice lo ha condannato anche a una provvisionale di 100mila euro a favore della ragazza di cui ha abusato, di altri 20mila euro alla madre della stessa giovane e di ulteriori 10mila euro all’associazione senese Donna chiama Donna costituitasi parte civile.

All’uscita del tribunale di Siena Mano Portanova ha affermato: “Che cosa devo dire? Sono innocente”.

L’ex giocatore della Juventus era accompagnato dal padre Daniele che non ha voluto rilasciare altre dichiarazioni.

Claudia Bini, dell’associazione ‘Donna chiama Donna’ , ha affermato: “Spero che gli imputati facciano tesoro di questa condanna, spero costituisca per loro un’occasione di crescita personale utilizzando la notorietà che hanno per diffondere un messaggio non tossico ma a favore del rispetto delle persone”.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!