Free public domain CC0 photo.




Anche quest’anno Palermo, tra le vie del centro storico, si accende delle luci e luminarie di Natale, per accogliere con un’atmosfera magica tutti i passanti che si aggirano per le vie della città. 

Non era scontata quest’anno la possibilità di illuminare la città, data la crisi in cui il Comune imperversa, ma a sostegno del progetto di illuminazione sono intervenute la Città Metropolitana e alcune società partecipate. Per risparmiare, si pensa di poter spegnere le luci a notte fonda. 

Al momento, ad essere illuminate, sono via Libertà e via Ruggero Settimo. Le luminarie arriveranno anche ai Quattro Canti, in via Roma, in via Maqueda, in via Americo Amari e in via Cavour. Per poter illuminare ancora altre vie, si aspettano invece altri sponsor. 

Saranno due gli alberi di Natale che quest’anno decoreranno la città. Uno, a piazza a Castelnuovo, che sarà acceso giorno 8 dicembre, donato dalla Camera di commercio, sarà alto 16 metri ed arriva direttamente dal Trentino. L’altro, invece, sarà posto in via Amari, al porto, per accogliere i turisti in arrivo proprio nel periodo di festa. 

Inoltre, anche quest’anno tornano, per la seconda edizione, i mercatini di Natale in centro, per il progetto “Natale in Centro“, quest’anno in piazza Castelnuovo dal 7 al 30 dicembre. L’evento è organizzato dall’associazione culturale Artigianando in collaborazione con la Events Production. Ci saranno circa 30 casette di impronta nordeuropea, ognuna delle quali ospiterà una ditta e dei prodotti artigianali del territorio, di manifattura o di gastronomia. La fiera sarà aperta dalla domenica al lunedì dalle 10 alle 20, mentre il venerdì e il sabato resterà aperta fino alle 24

È anche stato confermato il concerto di Capodanno che si terrà il 31 dicembre in piazza Castelnuovo. Saranno stanziati 200.000 euro per l’evento, anche se ancora non è noto chi sarà l’artista che si esibirà. 

 

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it






Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!