Contro truffe e raggiri arriva “Non ci Casco”, il corso di autodifesa organizzato dalla Fnp Cisl, dal suo coordinamento Donne e da Adiconsum Palermo Trapani.

Contro truffe e raggiri su internet, porta a porta o per via telefonica, su conti correnti bancari, nel settore finanziario e assicurativo, e in quello dei contratti di luce acqua e gas, arriva il corso di autodifesa.

Si chiama “Non ci casco” ed è stato organizzato dalla Fnp Cisl Palermo Trapani, dal suo coordinamento Donne insieme ad Adiconsum Palermo Trapani, l’associazione a tutela dei consumatori.

Si terrà il prossimo mercoledì 30 novembre alle ore 9,30 presso il san Paolo Palace di via Messina Marine, 91 a Palermo. Aprirà il corso l’intervento della segretaria generale della Federazione Pensionati della Cisl Maria Rosaria Aquilone, interverranno Marianna D’Agostino responsabile del coordinamento Donne Fnp Cisl Palermo Trapani, il responsabile di Adiconsum Palermo Trapani Antonio Rocco.

Spiegheranno quali sono i rischi corsi in questi raggiri, e come riconoscere le truffe, le esperte di Adiconsum, gli avvocati Alessandra Menozzi (settore bancario, finanziario e assicurativo) e Salvuccia Coco (contratti luce, acqua e gas). Concluderà il segretario generale Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana.

«Siamo da sempre vicini ai nostri pensionatispiega la segretaria generale Fnp Cisl Palermo Trapani Aquilone –, ancora di più in questo momento di forte crisi in cui si è più vulnerabili e si può cadere vittima di truffe o raggiri telefoniche, che presentano proposte che sembrano attrattive sul fronte dei prezzi e della convenienza. Per questo vogliamo fornire le informazioni necessarie per non ‘cascarci’ ed evitare una serie di conseguenze economiche, che di certo nessuna famiglia può tollerare».

«Non solo attacchi di phishing che si concretizzano in tecniche di adescamento di correntisti o titolari di carte di debito e/o di credito sempre più sofisticateafferma Rocco, ma anche il vishing, un tentativo di frode in cui il truffatore contatta per telefono o tramite messaggio vocale il malcapitato, al fine di carpire i dati personali della vittima come credenziali di accesso a conti correnti on-line a carte di credito, ma non solo. Sono tanti i rischi di raggiro che corrono sul ‘filo’ telefonico e del web. Per questo Adiconsum c’è sempre con una consulenza qualificata, per non lasciare solo nessuno».

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it






Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!