Da Cefalù all’Etna, al via la “Cursa di Ciclopi” nel circuito “TORX eXperience”




Quasi 510 chilometri da percorrere a piedi in una settimana, con un dislivello di oltre 20.000 metri, dalle coste del mar Tirreno fino alla cima dell’Etna e ritorno.

Questa la sfida che attende i 500 partecipanti internazionali alla “Cursa di Ciclopi”, la gara di ultra-trail prevista in Sicilia dal 22 aprile del 2023, le cui preiscrizioni cominciano questa settimana e che costituisce la novità per il 2023 nel circuito TORX® eXperience.
Le preiscrizioni saranno aperte dal prossimo 1 ottobre sul sito www.cursadiciclopi.com
 
Il percorso, il più lungo di questo tipo in Italia e fra i più lunghi d’Europa e del mondo, si snoda attraverso 4 parchi regionali, con partenza e arrivo nella città normanna di Cefalù, patrimonio dell’UNESCO, attraversando il territorio di 50 diversi comuni fra cui 8 fra i borghi più belli d’Italia e correndo lungo una parte del Sentiero Italia.
 
Lungo il percorso, i partecipanti troveranno 8 “basi vita” e decine di punti di ristoro dove potranno riposarsi e ricevere assistenza.
 
La gara è stata preceduta quest’anno da una “edizione zero” durante la quale dieci atleti e atlete hanno completato il percorso per testarne le caratteristiche, valutare eventuali modifiche, decidere il più opportuno posizionamento dei punti di assistenza.
 
La Cursa dei Ciclopi è parte del progetto TORX® eXperience, lanciato da VDA Trailers, che raggruppa competizioni internazionali accomunate dall’esperienza e dai valori del TORX®: lo spirito trail, i magnifici paesaggi ed un’organizzazione di alto livello.
Come tutte le gare del circuito TORX® eXperience, anche la Cursa di Ciclopi mette a disposizione un numero limitato di PAX – in questo caso saranno 100 – per gli atleti che completeranno il percorso. Grazie al nuovo sistema dei PAX, infatti, è possibile sognare la sfida delle sfide, il mitico Tor des Géants® dell’anno successivo senza passare dal sorteggio.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!