Termini Imerese: controlli su filiera pesce, arrestato tunisino per minaccia aggravata e resistenza a pubblico ufficiale



Nell’ambito dell’operazione congiunta di questa mattina di Carabinieri, Polizia municipale, Guardia di Finanza e Capitaneria di porto (Clicca qui), i carabinieri hanno arrestato un venditore ambulante tunisino per minaccia aggravata e resistenza a pubblico ufficiale.

Nel corso del sequestro, il tunisino, 40 anni, ha minacciato i carabinieri con un coltello da 30 centimetri. Il fatto è avvenuto quando i militari, insieme ai militari della Capitaneria di porto ed ai finanzieri, hanno accertato che il pescato non aveva nessuna tracciabilità ed era venduto senza le necessarie autorizzazioni.

L’ambulante tunisino è stato bloccato e disarmato dai militari e, quindi, arrestato. Il pescato stipato in decine di cassette (vedi foto) è stato sequestrato e portato negli uffici della Capitaneria di Porto. I veterinari dell’Asp hanno accertato che il pesce non era buono per essere destinato al consumo ed è stato distrutto.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *