A Palermo arriva “Nati abbusivi”: in scena anche l’attore termitano Massimo Sciascia

CONTENUTO A CURA DI ANGELO NERI

Condividi questo articolo



“Nati abbusivi” rappresenta la prima opera teatrale al teatro Sant’Eugenio di Palermo  dopo due anni di buio a causa del Covid. La commedia è molto divertente, Gino Carista che è l’autore e protagonista ha dato il massimo con battute esilaranti e anche qualche improvvisazione. Ottima anche la performance di Daniela Pupella e degli inarrestabili Antonio Di stefano e a Caterina Salemi. C’è anche qualcosa di Termitano in questa rappresentazione ed è la partecipazione di Massimo Sciascia, uomo da mille risorse, brillante e mai banale.

IMG-20211010-WA0000

Immagine 1 di 6

La sua interpretazione anche se breve mi ha fatto divertire molto e sopratutto dai suoi occhi traspariva una grande emozione e l’amore verso il teatro.

La commedia scorre piacevolmente per due ore e racconta in chiave ironica i drammi dei nostri tempi, spazia di scena in scena con cambi d’abito e di personaggi con grande naturalezza. Alla fine dello spettacolo Gino Carista, con un filo di commozione, ha salutato il pubblico e ha raccontato in poche parole la sofferenza di un attore che viene bloccato da una pandemia dopo 42 anni di carriera. Questa commedia Ci auguriamo sia l’inizio di una vita normale che certamente deve passare anche dal teatro,  un ritorno alla normalità che serve a tutti. Lo spettacolo verrà replicato sabato e domenica per altre due settimane.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *