Termini Imerese: va il pensione dopo 40 anni il commissario della polizia municipale Giovanni Tortorici



Il commissario della Polizia Municipale di Termini Imerese, Giovanni Tortorici, 67 anni, dopo quarant’anni di servizio va in pensione. 

Il saluto del collega Ignazio Grasso

Da oggi è, a tutti gli effetti, in pensione il Commissario Giovanni Tortorici, una delle autentiche colonne portanti del Comando di Polizia Municipale di Termini Imerese, già mio stimatissimo compagno di pattuglia, oltre che mio fraterno amico.
Nel corso di 40 anni di specchiatissimo servizio, si è occupato, in modo egregio, di viabilità, d’infortunistica stradale e, per ultimo, è stato, anche, responsabile del prestigioso servizio di P.G., dove è stato coadiuvato, in modo ineccepibile, dagli Ispettori Capo Claudio Aita e Francesco Azzarello, anch’essi, da poco, in meritata quiescenza.
Fra le altre cose, è stato insostituibile e apprezzatissimo collante nei rapporti con le altre le Forze di Polizia presenti sul territorio, rendendosi disponibile, sempre e comunque, alla soluzione di qualsiasi problematica si presentasse.
Oggi, mi ritornano alla mente, indistintamente, tutti i momenti della quotidianità lavorativa, che, con assoluta complicità, abbiamo condiviso nel corso degli anni, quando bastava un semplice sguardo per intenderci sul modus operandi da mettere in atto.
A tal proposito, non posso fare a meno di ricordare gli innumerevoli incidenti stradali rilevati assieme, alcuni, per buona sorte, lievi, altri, purtroppo, più gravi e altri, ancora, che non avresti mai voluto rilevare, quando, anche il motivato dolore e l’umana pietà per una vita appena recisa, dovevano cedere il passo, per asettico dovere di servizio, alla lunga teoria dei rilievi e delle formalità, da esperire il più celermente possibile e con la massima lucidità.
Oggi, fraterno amico mio, voglio prendere in prestito le significative parole, proferite dal mitico Colonnello Ultimo, nel giorno del suo congedo dall’Arma dei Carabinieri: “Oggi, con assoluta consapevolezza e con la massima serenità, torniamo ad essere il nulla da cui venivamo”.
Così è stato per quelli che ci hanno preceduti e così sarà per quelli che seguiranno.
Ad ogni buon conto, carissimo Giovanni, in questo momento così particolare, hai solo motivo per doverti rallegrare, perché stai per fare il tuo ingresso ufficiale nel tanto agognato club dopolavoristico dell’INPS, che, per insindacabile protocollo del suo rigido statuto, dispone che ogni giorno della settimana sia da considerarsi, a tutti gli effetti, domenica, pena l’irrevocabile radiazione del socio, che non ottemperasse a tale prescrizione.
Io, come tu ben sai, faccio parte di questo rinomato club da più di un anno e, per tua somma tranquillità, posso dirti che mi ci trovo benissimo e che non ho mai avuto nulla di cui lamentarmi!

Benvenuto nel nuovo mondo, carissimo amico mio!





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *