Carnevale Termini, Pro Loco alla nanna: “Ro Carnalivari un l’abbannunamu, quacchi cosa n’ammintamu”



Dopo la telefonata del “nonno” al presidente della Società del Carnovale, Emanuele Caruana (clicca qui per vedere cosa è successo), arriva la chiamata della “nonna”’alla Pro Loco di Termini Imerese.

 

 

Caru Cucinu Emanuele,

 

cumminasti i fochi ri capurannu pubblicannu sta telefonata ri lu vecchiu nannu.

 

Mi chiamò la Nanna ca era tutta ncazzata e mi minacciò ri rarimi na vastunata.

 

Minchia chi era arraggiata!

 

Io, tuttu ntrunatu,

c’arrispunniu ca pi st’annu lu Carnalivari ava essiri menu bardatu,

e ca ri necessità si n’ava a fari virtù 

picchi sennò lu virus ni manna a salutari u bambinu Gesù.

 

Ci rissi ca la Pro Loco, i La Rocca e a Società ro Carnalivari un l’abbannunamu 

e ca quacchi cosa n’ammintamu.

 

Cu l’aiutu ri Maria, chidda ro comuni, 

semu pronti a mittirinni lu costumi.

 

Ci ribbadiu ca ri li nostri vulontà

u nutaru Menzapinna quacchi cosa la sapi già!

 

La salutaiu raccumannannucci ri tinirisi in saluti e mittirisi a copertina,

picchi li niputi la vonnu viriri arzilla e ballerina.

 

Caru cucinu stu Covid ni misi nto casinu!

 

Si un facemu nesciri sti vicchiareddi ca ogni anno cuncchiannu tutta la famighia,

Io, tu, i La rocca, Menzapinna e Maria ni putemu iri a curcari a Giancanighia.    

 

Ora ti salutu e va rifletto ncapu all’accadutu ricurdannuti ca haiu bisognu ri na manu r’aiutu.

 

La tradizone ni sti ultimi anni l’amu sarbata

e puru pi st’annu quacchi cosa va cunsata.

 

A li Nanni tenili o cauru ca tra quacchi misi li mannamu a restauru!

 

“Evviva lu Carnevali Tirmitanu, Evviva U Nannu ca Nanna”





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *