Lutto a Termini Imerese: si è spentol’artista Salvatore Sperandeo

Condividi questo articolo






Lutto a Termini Imerese.  Si è spento all’età di 85 anni l’artista Salvatore Sperandeo, conosciuto da tutti per i suoi lavori in legno, ma sopratutto per i suoi carretti siciliani.
Un uomo buono, gentile e silenzioso. Così lo descrivono tutti coloro che lo hanno conosciuto e che in queste ore lo ricordano sui social.
Salvatore Sperandeo amava la famiglia e appassionato di arte, tanto da creare uno stile unico che ha tramandato ai nipoti.

«Grazie per tutto quello che hai fatto per me -scrive Fabrizio -. Oggi il Signore ha scelto bene, si è portato un pezzo del mio cuore ed uno dei suoi figli migliori… Adesso dai colore a questo cielo grigio mastru Totò».

«Apprendere questa notizia, mi lascia un vuoto dentro -commenta un amico su Facebook -. Oggi è andato via un pezzo della storia di Termini Imerese».

La città di Termini Imerese si stringe al dolore della famiglia.

Biografia

Salvatore Sperandeo, nasce nel marzo del 1935 a Termini Imerese, da un’umile famiglia: il papà è impiegato alle Poste e telegrafi e la mamma è casalinga.
Già da bambino​, Salvatore dimostra di avere una predisposizione innata per il disegno. Lui stesso ricorda un episodio avvenuto alle scuole elementari che è una prima rivelazione della sua dote artistica: Salvatore disegna la donzelletta del “Il sabato del villaggio” di Leopardi lasciando il suo maestro stupito dinnanzi a tanta bravura tanto da essere elogiato platealmente mentre il suo disegno viene portato in tutte le classi della scuola.
Alla tenera età, come si faceva un tempo, i bambini iniziavano ad andare a bottega, per imparare il “mestiere”. Era l’anno 1942 quando Salvatore insieme al suo papà si reca in una falegnameria. Da quel giorno l’amore per il legno non è più svanito. I primi anni sono quelli di “pile e maiddi” (lavatoi e madie), ma Salvatore fa presto a diventare mastro di bottega e iniziare la sua carriera di ebanista.
Dopo aver lavorato per i migliori ebanisti della città, apprende il mestiere in tutte le sue sfaccettature e in più ci mette tutto il suo estro e la sua creatività.
Tornato dalla leva militare, apre la sua bottega. Sono gli anni del boom economico e produce mobili su mobili. Dopo una breve esperienza al cantiere navale di Palermo, decide di riprendere l’attività di ebanista nella sua città, dove vive con la moglie e i suoi tre figli (Carmelo, Giuseppe e Antonella).
 

Affascinato dal carretto siciliano da quando ancora i carretti erano utilizzati come mezzi di trasporto, li guarda, li studia fino a farla diventare una vera passione. L’idea di realizzarne uno, tutto di sana pianta, nasce dopo che i due suoi piccoli figli tornano a casa con una vecchia carretta di commerciante rotta, ritrovata abbandonata per strada e gli chiedono di aggiustarla per giocare tra le strade del quartiere.
Sono gli anni Settanta quando inizia a realizzare piccoli carrettini siciliani fatti a regola d’arte, per continuare fino ad oggi a riempire il suo garage/museo con carretti, carrozze, sculture e dipinti.
Con gli anni Ottanta e l’avvento dei mobilifici industriali e la quasi totale scomparsa dell’artigianato, complice l’approdo della Fiat a Termini Imerese, Salvatore diventa operaio, ma anche in questa circostanza non perde la sua creatività, così inizia a far parte del gruppo del Circolo della Qualità per le proposte e le idee consigliate all’azienda.
La passione per l’arte e per il legno non si spegne mai e continua in questi anni a realizzare manufatti e dipinti, diventa grande amico di Salvatore Contino (in arte Tinosa) con cui nasceranno delle collaborazioni per l’arte del carretto siciliano.
Dal 2000 in pensione, continua a nutrirsi di arte. Oggi non risparmia consigli e lezioni ai nipoti ai quali ha trasmesso il grande amore per l’arte e la passione dei carretti siciliani.

Salvatore_Sperandeo_banner

Immagine 1 di 6









Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *