Caccamo: appaltati i lavori per ripristinare via Sant’Orsola

2 min read

Rimani sempre aggiornato


Il sindaco: «Finalmente si avvicina la fine dei disagi per i residenti»
 
Appaltati i lavori di messa in sicurezza della via Sant’Orsola.
 
Era fissato al 24 gennaio il termine ultimo per la presentazione delle offerte.
 
Il Commissario di Governo per il Contrasto del Dissesto Idrogeologico della Regione Siciliana ha provveduto alla valutazione delle offerte pervenute.
La ditta aggiudicataria è già stata individuata e, prima dell’affidamento dei lavori, sarà necessaria la verifica dei requisiti da parte dell’Autorità Nazionale Anti Corruzione (Anac), che avverrà in tempi piuttosto brevi, solitamente in circa 20 giorni.
 
Soddisfatto il sindaco di Caccamo Franco Fiore, che dichiara: “Tutto sta procedendo in maniera molto spedita, secondo la tempistica prevista. Salvo ricorsi da parte delle ditte escluse, i lavori potrebbero iniziare, verosimilmente, entro il mese di marzo. Finalmente si avvicina la data di riapertura della via Sant’Orsola e la fine dei disagi per i residenti”.
 
Il parapetto della via Sant’Orsola, lo ricordiamo, era crollato sulla sottostante via San Pancrazio l’8 novembre del 2021, a seguito delle abbondanti piogge che si sono riversate su Caccamo in quel periodo.
 
Subito dopo l’insediamento del sindaco Fiore, nel giugno del 2022 la situazione della strada di via Sant’Orsola è stata tra i primi problemi affrontati dalla nuova amministrazione. Sono stati presi contatti con la struttura del Commissario di Governo per il contrasto al Dissesto Idrogeologico della Regione Siciliana dottor Maurizio Croce, per comprendere come ripristinare nel più breve tempo possibile la viabilità in via Sant’Orsola.
 
Tra le priorità ovviamente c’era la redazione di un progetto esecutivo immediatamente cantierabile, si è dunque affidato l’incarico ad un progettista, l’ingegnere Michele Zafonti e, conseguentemente, si è provveduto a far rilasciare i previsti pareri di competenza dal Genio Civile e dalla Soprintendenza ai Beni Culturali.
 
Soltanto a quel punto l’amministrazione Fiore ha potuto presentare la richiesta di finanziamento alla Regione Siciliana.


CONTINUA A LEGGERE SU HIMERALIVE.IT


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Leggi anche

Altri articoli: