Movida selvaggia a Palermo: multe e sequestri della Polizia Municipale




Gli agenti della Polizia Municipale di Palermo, nell’ambito dei controlli ispettivi nei luoghi della movida, lo scorso fine settimana sono intervenuti in due locali. Uno in piazza San Carlo, l’altro in via Mazzini (su esposto dei residenti). 

Nel locale in piazza San Carlo, all’atto del sopralluogo, era in corso un evento musicale con emissioni sonore e diffusione amplificata a porte aperte, oltre l’orario consentito, con la presenza di numerosi avventori.
 
La contestazioni applicate

Verbale di € 50 poichè sprovvisto della prescritta relazione fonometrica delle apparecchiature musicali in uso.
Inoltre, è stato eseguito il sequestro amministrativo cautelare, con apposizione di sigilli, di apparecchiature elettroacustiche musicali, diffusori audio, consolle e mixer, per diffusione musicale a porte aperte oltre l’orario consentito, con verbale di contestazione di € 50.

Successivamente, con ordinanza del Suap, sarà applicata la sanzione accessoria della chiusura coatta di giorni 5 dell’attività. Immediata l’interruzione dell’evento di intrattenimento musicale abusivo.

 
Anche nel pub di via Mazzini, dove gli agenti sono intervenuti su esposto dei residenti, all’atto del sopralluogo era in corso un evento musicale con emissioni sonore e diffusione amplificata a porte aperte, oltre l’orario consentito, con la presenza di numerosi avventori.

Qui, inoltre, si occupava con una pedana in legno, con numerosi arredi e attrezzature a servizio dell’attività, l’intera porzione di marciapiede e una parte della sede stradale, davanti all’attività, costringendo i pedoni a deviare sulla strada.

Dal controllo visivo, formale e documentale dell’attività, sono emerse numerose violazioni amministrative e penali

1. L’occupazione di suolo pubblico, nello spazio esterno antistante al locale, era interamente abusiva.

E’ stata fatta comunicazione di notizia di reato per:

– art. 633 c.p. e art. 639 bis C.p., perché si occupava arbitrariamente una consistente porzione di suolo pubblico (circa 60 mq.), al fine di trarne profitto, con numerosi arredi e attrezzature a servizio dell’attività;

– art. 635 C.p., per danneggiamento del marciapiede comunale.
 
Contestazioni applicate:

– verbale di € 1.000 poichè sprovvisto della prescritta SCIA sanitaria all’esterno.

– verbale di €173 (art. 20 C.d.S.) per l’illecita occupazione di suolo pubblico;
– verbale di € 300 per violazione del regolamento Dehors 2022: sprovvisto della necessaria concessione di suolo pubblico, non si è conformato al regolamento comunale;
– verbale di € 50 perché privo della prescritta relazione fonometrica delle apparecchiature musicali in uso.
E’ stato eseguito il sequestro amministrativo cautelare, con apposizione di sigilli, di apparecchiature elettroacustiche musicali, diffusori audio, consolle e mixer, per diffusione musicale a porte aperte oltre l’orario consentito, con verbale di contestazione di € 50.

Successivamente, con ordinanza del Suap, sarà applicata la sanzione accessoria della chiusura coatta di giorni 5 dell’attività. Immediata l’interruzione dell’evento abusivo di intrattenimento musicale e il contestuale ripristino dei luoghi.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it






Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!