Due giovani fiumani al carnevale imerese

FABIO LO BONO

Condividi questo articolo




Due giovani fiumani al carnevale imerese.

“Gli istriani, negli anni (1948-1956) hanno partecipato attivamente alla vita della città, dalla pallacanestro al carnevale”.

La fuga dalle FOIBE

Da Pola, Fiume e Zara verso la Sicilia
per scappare dalle persecuzioni degli jugoslavi.

“La città di Termini Imerese ricorda gli esuli istriani, fiumani e dalmati, accolti fraternamente in questo luogo durante gli anni tragici del secondo dopoguerra”: nel prospetto dell’ex Caserma La Masa è affissa questa lapide, che ci ricorda come la Sicilia sia stata terra d’accoglienza: lo fu nel secondo dopo guerra, quando le conseguenze dell’esodo giuliano-dalmata si abbatterono su tutto il territorio nazionale.

Sono trascorsi 75 anni da quando oltre mille esuli istriani, fiumani e dalmati sono arrivati in città. Termini Imerese ha accolto con diffidenza prima e con fraterno affetto poi gli italiani arrivati dal confine più turbolento d’Italia. Un confine dove nel giro di pochissimo tempo si sono alternate le uniformi verdi degli italiani, quelle nere dei nazisti e infine quelle azzurre dei titini.

Costretta dagli eventi, la quasi totalità degli italiani,che viveva in quei territori, ha scelto di lasciare tutto per rimanere italiana. Una volta giunti a Trieste, la loro destinazione fu uno dei 109 campi profughi presenti nel territorio nazionale. Campi di raccolta profughi aperti su disposizione del Ministero degli Interni e sotto il controllo delle Prefetture. Oltre mille dei circa 300mila uomini, donne e bambini che hanno deciso di lasciare l’Istria e la Dalmazia sono arrivati a Termini Imerese.

Furono accolti al campo profughi La Masa. Uno stabile senza acqua calda, senza bagni e senza stanze. Termini Imerese è un luogo lontano, per tradizione e cultura, alle terre dell’Adriatico orientale, ma, nel giro di pochi mesi, il processo di integrazione fu compiuto. Il campo profughi li ospitò dal 1948 al 1956, anno in cui chiuse definitamente.

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!