Muore dopo una settimana il quattordicenne aggredito in una rissa tra adolescenti




Gordon Gault, 14 anni, è morto dopo una settimana di agonia a seguito delle gravi ferite riportate durante una rissa tra due gruppi di adolescenti. 

La rissa ha avuto luogo lo scorso 9 novembre a Newcastle, nel Regno Unito, tra due gruppi di adolescenti di età compresa tra i 14 e i 17 anni. Di questi, la polizia ha già arrestato 14 ragazzi, ed è al lavoro per individuare altri che potrebbero essere stati coinvolti, allo scopo di scoprire chi ha ferito a morte il ragazzo. I ragazzi arrestati risultano tutti essere già stati accusati in passato di associazione a delinquere e lesioni personali

Le indagini sono ancora in corso, ma in base a quanto riferiscono i media britannici, i ragazzi dovrebbero essere al momento tutti liberi sotto cauzione. Tra questi, il cerchio dei sospettati che avrebbero potuto infliggere la ferita mortale a Gordon Gault, si è ristretto su tre giovani di 15, 16 e 17 anni. 

La sovraintendente Helena Barron ha tranquillizzato i cittadini dicendo che non sarebbe una situazione di pericolo pubblico, in quanto le persone coinvolte nella rissa sarebbero tutti conoscenti, e ha poi rivolto le sue parole di cordoglio alla famiglia della vittima: «Riteniamo che le persone coinvolte nella rissa si conoscessero tra loro e non ci sono al momento i presupposti per pensare che esista una situazione di pericolo pubblico siamo determinati a chiarire tutte le circostanze che hanno causato la morte di Gordon, vogliamo che sia fatta giustizia. I miei pensieri si rivolgono adesso alla famiglia, agli amici e a chiunque stia soffrendo per la morte di Gordon chiedo che la privacy della famiglia venga rispettata il più possibile, in modo che possa superare questo momento difficile».

Ha concluso Helena Borron con un ringraziamento rivolto alla comunità: «Ringrazio i cittadini per la collaborazione, mentre continuiamo a lavorare per far luce su questo grave incidente». 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!