Dolore per Luis Ferdinando: chi era il cassiere vittima dell’aggressione ad Assago




Aveva 47 anni Luis Fernando, il cassiere del Carrefour ucciso nel centro commerciale Milanofiori ad Assago, vittima dello squilibrato che ha accoltellato 5 persone all’interno del supermercato con un coltello preso da uno scaffale. 

Luis Fernando risulta essere l’unica vittima, anche se altre tre delle persone accoltellate si trovano in gravi condizioni. 

Luis era di origini sudamericane. Aveva intrapreso gli studi di ingegneria, poi abbandonati per dedicarsi alla collaborazione con grandi aziende presso le quali ha svolto attività di magazziniere, cassiere e addetto alle vendite. Di solito, però, al momento non si trovava a svolgere la funzione di cassiere, e, il giorno dell’aggressione si sarebbe trovato lì per sostituire un altro collega. 

Il CEO Carrefour Italia ha comunicato il cordoglio da parte di tutta l’azienda nei confronti della famiglia della vittima, affermando: «Siamo profondamente addolorati nell’apprendere del decesso di un nostro dipendente in seguito all’aggressione verificatasi oggi nell’Ipermercato Carrefour di Assago. Ci stringiamo attorno alla sua famiglia, con cui siamo in contatto per esprimere il nostro cordoglio. Siamo vicini alle famiglie delle altre vittime coinvolte. Episodi del genere non dovrebbero mai verificarsi in assoluto, soprattutto durante lo svolgimento del proprio lavoro.»

Su Facebook queste le parole di Attilio Fontana, presidente della Regione Lombardia: «L’abbraccio a nome di tutti i lombardi alla famiglia del giovane dipendente del supermercato che purtroppo ha perso la vita in seguito alle ferite ricevute». 

Ha espresso vicinanza alla famiglia della vittima anche Pablo Marí, calciatore del Monza rimasto ferito nel medesimo attacco, che nella prima foto pubblicata dopo l’accaduto ha scritto «Tutta la mia forza alla famiglia della vittima». 

 

 

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!