I magistrati di Torino hanno chiesto per l’ex patron di Blutec, Roberto Ginatta, una condanna a 9 anni, per il figlio a 5 e per la segretaria a 2 anni e 8 mesi. 

Il processo riguarda proprio il mancato rilancio del polo di Termini Imerese, venduto dalla casa automobilistica torinese FCA nel 2015a Ginatta per un solo euro, grazie ad un finanziamento di Invitalia. Per l’accusa, Ginatta avrebbe dirottato 16 milioni di euro di contributi statali in «investimenti di stretto interesse della famiglia».


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!