Cefalù: momenti di paura per un turista colto da malore, salvato dal soccorso alpino FOTO




Soccorso Alpino e Polizia di Stato, intervento a Cefalù per turista canadese colto da malore

Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano e IV Reparto Volo della Polizia di Stato in azione alla Rocca di Cefalù per un turista canadese colto da malore.

L’allarme è scattato poco prima delle 12 quando l’uomo, (T.S., 49 anni), in escursione con un gruppo di connazionali, ha accusato un malore mentre percorreva il sentiero nei pressi del castello. Trattandosi di un soggetto cardiopatico si è temuto un principio di infarto ed è stato lanciato l’allarme al Numero Unico di Emergenza 112

Vista la delicatezza della situazione e la difficoltà di spostare l’uomo a spalla sulla barella attraverso sentieri impervi e con forte pendenza, la centrale del 118 ha chiesto l’intervento del Soccorso Alpino che ha attivato la Polizia di Stato con la quale vige un consolidato rapporto di collaborazione.

1

Immagine 1 di 4

Dall’aeroporto di Boccadifalco è decollato un elicottero AW139 del IV Reparto Volo della Polizia di Stato con due tecnici di elisoccorso del SASS che in pochi minuti sono stati sbarcati sul posto.

Il turista canadese è stato recuperato a bordo con il verricello per essere sbarcato subito dopo nella vicina piazzola dove ad attenderlo c’era un’ambulanza del 118 con un medico rianimatore. Presenti anche i carabinieri della locale stazione. L’uomo è stato quindi trasferito all’ospedale Giglio di Cefalù.

In caso di incidenti su pareti di roccia, sentieri, ambienti innevati, in grotta e gole fluviali o in caso di dispersi in ambiente impervio e ostile, è allertabile mediante il Numero Unico di Emergenza (NUE) 112, sempre chiedendo esplicitamente l’intervento del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico CNSAS. Il NUE112 trasferirà la chiamata di soccorso alla Centrale Operativa 118, la quale provvederà ad allertare il SASS.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!