Lutto nel mondo della ristorazione a Palermo: è morto l’imprenditore Ippolito Ferreri

IL MESSAGGIO DI CORDOGLIO DI PATRIZIA DI DIO, PRESIDENTE CONFCOMMERCIO PALERMO

Condividi questo articolo




Una triste notizia non solo per la famiglia a cui mi stringo in un abbraccio, ma anche per tutta la città e per il suo mondo imprenditoriale.

Ippolito Ferreri ci ha lasciato. Aveva 84 anni. Il suo è il profilo di un uomo che ha fatto di una passione per la buona cucina la sua professione.

Non si può pensare alla ristorazione a Palermo degli ultimi decenni senza fare riferimento ai tanti locali creati da Ippolito, di grande “charme” esattamente come il nome di uno dei suoi locali di successo.
Non erano solo i piatti speciali, fantasiosi, al top e di alta qualità, creati da Ippolito a catalizzare la clientela, o la cantina di importante selezione di vini, ma quel mix di atmosfera elegante, di cura del dettaglio, di alto design, di gusto ineguagliabile, di accoglienza speciale e bon ton direttamente da Ippolito che sapeva ricevere ogni singolo cliente da perfetto “padrone di casa”, signorile, raffinato, un puro “esteta”.

Curava personalmente e con attenzione ogni cliente e ogni piatto.
Non si può raccontare Palermo dagli anni ‘80 in poi senza ricordare le colazioni e le cene da Chamade, Chamade mare, il bar Roney, Charme…
I suoi locali sono stati punto di ritrovo non solo per trascorrere una piacevole serata ma per incontrarsi. Ippolito rimarra’ per sempre icona della ristorazione di alto livello, con il tuo tratto signorile ed elegante sarà ricordato come uno dei ristoratori che ha portato in alto il buon “gusto” della ristorazione Made in Italy.

Alla sua famiglia, ai suoi figli, ai nipoti, a Teresa, a tutti i familiari e a coloro che gli hanno voluto bene mi unisco con un abbraccio fortissimo per la grave perdita.
Rimane il fatto che alla sua famiglia ha trasmesso una grande eredità, il suo immenso amore per la ristorazione.

Appena pochi mesi fa Ippolito che come commentava la figlia Germana, lui classe 1938, “doveva ancora capire cosa fare da grande”, ha affrontato con l’entusiasmo evergreen di chi ama ciò che fa, un’ultima sfida imprenditoriale, che porta il suo nome. Il segno di un’importante eredità di saperi nella ristorazione, ma anche di passione, di eleganza, di stile. Nel nome di IPPOLITO. Unico e inimitabile.
Ciao maestro!
Fai buon viaggio!
Che la terra ti sia lieve.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!