Al liceo classico Mandralisca di Cefalù un importante progetto Erasmus+



Tra commoventi abbracci e promesse di rivedersi quanto prima, venerdì 27 maggio 2022 si è conclusa la settimana di lavori del progetto ERASMUS+ KA229 “HELP ME!” cod. 2020-1-IT02-KA229-079430_1, che si è tenuta dal 23 al 27 maggio 2022 nei locali del Liceo Classico Mandralisca di Cefalù.

È stata per tutti la realizzazione di un sogno! Il progetto, che è coordinato dal nostro Liceo Classico Mandralisca e che verte sui disastri naturali e sui fenomeni estremi causati dal cambiamento climatico, sulla gestione delle emergenze nelle scuole e nella comunità locale, sugli interventi di primo soccorso e sui piani d’azione da programmare per far fronte ad eventi inattesi, aveva subito una battuta d’arresto a causa della pandemia di Covid-19 prima e dell’inizio del conflitto russo-ucraino poi ed era stato implementato soltanto con attività svolte in video-conferenza, in attesa di poter realizzare le mobilità transnazionali previste dal progetto, quegli incontri cioè durante i quali studenti e docenti si incontrano di persona e trascorrono una settimana insieme lavorando ai nuclei tematici del progetto e, soprattutto, in una full immersion nella lingua inglese e nelle culture, religioni e stili di vita, atteggiamenti e modi di pensare dei partecipanti, si muovono e agiscono in una dimensione interculturale, che è fatta di conoscenza reciproca e accettazione dell’altro, consapevolezza di sé e degli altri, tolleranza verso ogni diseguaglianza.

Il coinvolgimento dell’intera comunità scolastica, e soprattutto dei nostri ragazzi, in una dimensione europea e con un approccio multiculturale significa stimolare efficacemente la motivazione all’apprendimento e all’acquisizione di competenze specifiche e di cittadinanza, promuovere l’apertura al dialogo e all’amicizia, creare sinergie fra le diverse culture, gettare ponti invece di distruggerli. Questo è il nucleo fondante del Programma Erasmus+ e ogni piccola esperienza, la breve ma intensa mobilità ospitata dal nostro Liceo Classico di Cefalù, ne sono la puntuale conferma.

Hanno partecipato a questa prima mobilità transnazionale 24 studenti e 9 docenti e dirigenti scolastici provenienti da Croazia, Polonia, Romania e Turchia, oltre a 40 studenti della classi quarte e quinte del Liceo Classico. Il primo giorno, dopo le attività di accoglienza, di prima socializzazione e di team building, sono stati formati 12 gruppi di studenti composti da 2 alunni stranieri e da 2 alunni italiani con ruolo di facilitatori, e ciascun gruppo ha trascorso 50 minuti circa con gli studenti delle singole classi del Liceo in un primo scambio interculturale e di disseminazione del progetto.

La settimana di lavori è stata poi suddivisa in due sessioni distinte: nelle ore curricolari, tutti gli studenti, organizzati in gruppi di interesse (Techno Group, Art Group, Writing Group) hanno messo in gioco la propria creatività ed abilità nella produzione di poster, video, infographics, interviste, diari di bordo, brevi articoli, slideshows. I docenti tutti hanno svolto ruolo di tutor e advisor e collaborato alla documentazione del progetto. I pomeriggi sono stati dedicati alle visite guidate e agli eventi culturali. L’intera giornata di mercoledì 25 maggio è stata dedicata alla visita del centro storico di Palermo, da Palazzo Reale alla Cattedrale, corso Vittorio Emanuele e i principali monumenti presenti nell’area. Giovedì 26 maggio, dalle ore 15:00 alle ore 17:30, si è svolto un interessante workshop su ‘Emergency Education’, tema di questa mobilità: il Dott. Francesco Serraino, esperto in emergenze e primo soccorso, ha parlato delle principali calamità naturali della nostra regione illustrandone cause e conseguenze; al termine della presentazione è stato simulato un terremoto e un’evacuazione guidata, seguita dalle operazioni di primo soccorso durante le quali sono state mostrate tecniche di pronto intervento eseguite successivamente da alcuni alunni, sotto la guida attenta del medico e di due infermiere specializzate in primo soccorso.

È intervenuto poi il Dott. Antonio di Francesca, membro del team della Protezione Civile di Cefalù, che ha illustrato il ruolo della Protezione Civile, presentato alcuni tra i casi più comuni di disastri naturali e risposto alle domande dei presenti. L’attività è stata apprezzata da tutti i partecipanti ed ha riscosso successo tra gli studenti, che si sono prestati numerosi e volenterosi nonostante il caldo torrido.

E adesso? Adesso non ci resta che tornare al nostro lavoro quotidiano in attesa della prossima mobilità, certi però che questa piccola esperienza abbia lasciato il segno in molti di noi, abbia prodotto consapevolezza sullo stato di salute del nostro pianeta, abbia favorito lo scambio di idee e gettato ponti in nome dell’amicizia e della comprensione reciproca.

Un ringraziamento particolare va al nostro Dirigente Scolastico, Prof.ssa Daniela Crimi, che ha reso possibile questa mobilità e la realizzazione di un sogno; alla nostra DSGA Sig.ra Giovanna Lombardo e alla sua assistente Stefania per la collaborazione sempre pronta, attenta e gentile; alle Prof.sse Cinzia Maglio e Sonia Zito rispettivamente collaboratrice e fiduciaria del plesso del Liceo Classico per la pazienza e l’aiuto prestato prima e durante l’intera mobilità; ai Prof. Dario Cartaino e Mjrta Vittorioso per la preziosa collaborazione nella realizzazione di alcuni degli eventi in programma; al Prof. Marco La Grua che, nonostante gli innumerevoli impegni, è riuscito ad organizzare un pranzo all’IPSSEOA e ai docenti di cucina e agli studenti che hanno deliziato il palato dei nostri ospiti con piatti tipici della cucina italiana e impeccabile professionalità; ai collaboratori scolastici Angela, Maria e Piero per la collaborazione costante e incondizionata che ci ha permesso di rendere fruibili gli spazi del nostro Liceo e piacevole il soggiorno dei nostri ospiti; a tutte le colleghe e i colleghi che hanno collaborato e che credono nel valore aggiunto di questo progetto; al Sindaco di Cefalù Rosario Lapunzina e all’Assessore alla Cultura Vincenzo Garbo per avere aperto le porte della città ai nostri ospiti; al Dott. Antonio Di Francesca per il suo prezioso intervento e la squisita collaborazione.

Aggiungo ai ringraziamenti l’Ing. Salvatore Giordano e la Giordano S.r.l. per avere organizzato il workshop sulle emergenze e primo soccorso e la Sig.ra Concetta Matassa, impeccabile interprete.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.