Bimbo annegato nelle acque dell’area industriale: momenti drammatici all’ospedale “Salvatore Cimino”



Sono stati momenti drammatici oggi pomeriggio nell‘area industriale di Termini Imerese dove il piccolo Bryan Puccio, 4 anni, stava giocando in acqua insieme ad altri bambini. Poi, intorno alle ore 14, la tragedia: il bimbo, per cause ancora in corso di accertamento, si trovava in acqua a faccia in giù e sembrava non respirare.

Himeralive.it-20220602_184324

Immagine 1 di 11

Qualcuno in spiaggia ha cercato di rianimarlo, ma senza successo. I genitori, che vivono nel quartiere Brancaccio di Palermo, insieme ad alcuni parenti hanno portato il piccolo al pronto soccorso dell’ospedale “Salvatore Cimino” di Termini Imerese.

Alle 15 i medici del pronto soccorso hanno comunicato ai genitori la tragica notizia del decesso del loro amato piccolo.

Dolore straziante, disperazione al pronto soccorso del nosocomio termitano. Intanto, i carabinieri del reparto territoriale di Termini Imerese, diretto dal maggiore Sara Pini, stanno indagando, coordinati dalla Procura per ricostruire la tragica vicenda.

Sono stati sentiti i genitori del piccolo, i parenti e gli amici presenti in spiaggia. Stanno anche ascoltando i testimoni che si trovavano nell’arenile e quelli che hanno dato i primi soccorsi. La procura ha disposto l’autopsia sul corpicino del bimbo. 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.