Turista colta da malore nell’isola di Panarea, salvata dal Soccorso Alpino FOTO



Intervento congiunto del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano e del IV Reparto Volo della Polizia di Stato per recuperare una turista tedesca colta da un malore nell’isola di Panarea (Messina).
E’ il secondo in meno di due settimane alle Eolie.
L’allarme è scattato intorno alle 12,30 quando una donna di 73 anni, che faceva parte di una comitiva in escursione sull’isola, ha accusato un malore dovuto probabilmente alle alte temperature registrate oggi in tutta la Sicilia.
 
I suoi compagni hanno contattato il 118 tramite la centrale del NUE112.
 
Trattandosi di un intervento in ambiente impervio è stato allertato il Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano che per velocizzare il recupero dell’infortunata ha chiesto l’intervento del IV Reparto Volo della Polizia di Stato, col quale vige un consolidato rapporto di collaborazione.
 
L’elicottero AW139A, dopo aver imbarcato due tecnici del Soccorso Alpino all’aeroporto di Boccadifalco, in pochi minuti ha raggiunto la zona dell’infortunio.

Socorso alpino

Immagine 1 di 3

 
I soccorritori sono stati sbarcati sul posto, hanno imbracato la donna con il triangolo di evacuazione e issata a bordo con il verricello per trasportata all’ospedale Papardo di Messina.
 
Un intervento simile era stato portato a termine il 20 maggio scorso a Salina dove i tecnici del Soccorso Alpino imbarcati sull’elicottero della Polizia avevano prelevato una donna tedesca di 54 anni che aveva riportato la sospetta frattura della caviglia sinistra.
 
In caso di incidenti su pareti di roccia, sentieri, ambienti innevati, in grotta e gole fluviali o di dispersi in ambiente impervio e ostile, è allertabile mediante il Numero Unico di Emergenza (NUE) 112, sempre chiedendo esplicitamente l’intervento del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico #CNSAS. Il #NUE112 trasferirà la chiamata di soccorso alla Centrale Operativa 118, la quale provvederà ad allertare il SASS.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.