Tribunale Termini Imerese: condannato a 5 anni il prete beccato in chat con minori



Don Vincenzo Esposito, il sacerdote di 64 anni, originario di Caltavuturo, ma assegnato alla parrocchia di San Feliciano Magione (Perugia), è stato condannato a cinque anni di carcere. La sentenza è stata emessa oggi dai giudici del tribunale di Termini Imerese presieduti da Vittorio Alcamo.

 

Il sacerdote avrebbe chiesto, dietro pagamento, prestazioni sessuali a quattro sedicenni attraverso delle videochiamate. Il prete è stato in passato anche parroco a Termini Imerese. Dieci, venti, trenta euro al massimo, questo avrebbe versato il prete ad alcuni ragazzini per vedersi in chat a sfondo sessuale o ricevere video osé. 

L’inchiesta era nata per caso, quando i militari avevano captato alcune telefonate, tra aprile e luglio dell’anno scorso, nell’ambito di un’altra indagine. Esposito, quando venne arrestato esercitava il ministero in provincia di Perugia, ma in passato era stato non solo a Termini Imerese, ma anche al Buccheri La Ferla.

Le vittime assistite dagli avvocati Francesco Paolo Sanfilippo, Giuseppe Canzone e Caterina Intile, sarebbero stati tutti in una condizione di disagio economico e avrebbero utilizzato il denaro ricevuto in cambio delle chat a sfondo sessuale per comprare sigarette, tagliarsi i capelli o banalmente andare a mangiare una pizza con la fidanzata. Come emergeva dall’ordinanza di custodia cautelare per il prete ogni momento sarebbe stato buono per guardare – anche contemporaneamente – gli adolescenti in atteggiamenti intimi, prima di una messa, ma anche subito dopo aver celebrato un funerale.

L’avvocato difensore del prete ha già preannunciato appello.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.