Lutto nel mondo dello sport: morto il campione di motocross catanese Vincenzo Lombardo




Lutto nel mondo dello sport siciliano. É scomparso ieri, a seguito di un grave incidente durante un allenamento in moto, Vincenzo Lombardo, 52 anni, pilota di motocross catanese.

Lombardo è stato tra i siciliani più rappresentativi in Italia e campione del Supermarecross negli anni ’90. Nel 2020 si era laureato campione italiano Motocross Epoca, salendo sul gradino più alto del podio nella classe 250 D2. Enzo, così come lo chiamavano gli amici, era conosciuto e stimato nel mondo del Motocross nazionale. Era stato anche collaudatore della Pirelli.
Motociclista leggendario, Lombardo era uno specialista delle due ruote su strade sterrate.

Il mondo del motocross è sconvolto. Tanti i messaggi di cordoglio in rete per il campione.
Matteo Portinaro, in una pagina facebook che riunisce appassionati di motocross scrive di lui: “Un pilota capace di primeggiare per oltre un decennio nel Supermarecross, diventando una figura di riferimento per l’intero movimento siciliano.
Le sue gesta e i suoi numerosi trionfi hanno ispirato anche il corregionale Antonio Cairoli agli inizi della carriera sportiva.
Un campione dentro e fuori dalla pista, apprezzato anche dai colleghi per la semplicità ed i modi gentili.
Dimostrò di essere un top rider anche nel mondo dell’Enduro, come testimoniarono le svariate affermazioni conseguite in ambito nazionale.
Negli ultimi anni si era dedicato al Motocross vintage, portando a casa anche in questa circostanza risultati importanti.
Il campione siculo ha perso la vita mentre stava svolgendo una sessione di allenamento in sella ad una Honda 450, lasciando un grande vuoto tra gli appassionati.
Ci stringiamo vicino al dolore della famiglia e mandiamo un ultimo saluto a Vincenzo, uomo indimenticabile che ha scritto la storia del Motocross siciliano”.

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it






Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!