Auto incendiate a Caccamo e Termini Imerese, senatrice Campagna: “L’attacco ai nostri carabinieri è un attacco allo stato democratico”

IL COMMENTO DELLA SENATRICE DI TERMINI IMERESE, ANTONELLA CAMPAGNA: “L’ATTACCO AI NOSTRI CARABINIERI È UN ATTACCO ALLO STATO DEMOCRATICO E ALLA SICILIA CHE SI RIBELLA ALLA CRIMINALITÀ”

Condividi questo articolo

scritto da:

Redazione



Mentre vanno avanti le indagini su tutti i fronti per risalire ai responsabili dell’incendio delle due autovetture del carabiniere residente a Caccamo in servizio nel reparto territoriale di Termini Imerese e dell’auto del comandante della stazione di Montemaggiore Belsito, andata in fiamme lo scorso 16 settembre, è partita la macchina della solidarietà agli uomini dell’Arma dei carabinieri che con impegno e dedizione sono sul fronte per garantire nei nostri comuni ordine e sicurezza. 
«Esprimo vicinanza e piena solidarietà al carabiniere di Caccamo, in servizio nella stazione di Termini Imerese, fatto oggetto di un gravissimo gesto intimidatorio. Sono state date alle fiamme le due auto del militare, la sua e quella della moglie, esattamente come accaduto pochi giorni fa al Maresciallo Francesco Palumberi – ha commentato la senatrice termitana Antonella Campagna, componente della commissione Antimafia e Difesa – Episodi allarmanti che sono certa non resteranno impuniti. Sono molto fiduciosa, infatti, che gli inquirenti faranno luce al più presto su questi atti criminali di sfida allo Stato e ai suoi rappresentanti, che hanno l’obiettivo di indebolire lo straordinario lavoro di magistratura e forze dell’ordine di un territorio in cui operano ancora, purtroppo, pericolose organizzazioni malavitose.
La risposta nei confronti di questi delinquenti deve essere immediata e risoluta, per debellare questo cancro e rassicurare una comunità che vuole stare dalla parte della legalità.
Ai carabinieri e alle loro famiglie rivolgo il mio ringraziamento per il lavoro che quotidianamente svolgono, e il mio incoraggiamento ad andare avanti senza esitazione, perché queste azioni minatorie sono il segno più evidente non solo della paura di chi le compie, ma del fatto che i carabinieri e le forze dell’ordine tutte, sono dalla parte giusta e che il popolo siciliano è con loro».


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *