Blutec, Fiom: “Governo Draghi non può staccare spina Termini Imerese”



 “Alle spalle abbiamo dieci lunghi anni di sofferenza a Termini Imerese, però non siamo mai arrivati a questo punto. I governi precedenti sono responsabili della mancata reindustrializzazione, il governo ‘dei migliori’ guidato dal premier Draghi non può staccare la spina mettendo la parola fine, facendo pagare il conto dei fallimenti a mille lavoratori”.
Lo dice il segretario della Fiom in Sicilia, Roberto Mastrosimone.

“Sarebbe gravissimo – insiste Mastrosimone – che nel pieno della crisi pandemica il governo buttasse in mezzo a una strada mille operai e le loro famiglie, soprattutto dopo la stesura del Recovery plan e le decine di miliardi di euro che arriveranno al Sud”. La Fiom fa l’ennesimo appello al governo Draghi e al governo Musumeci “perché trovino una soluzione per scongiurare la fine della reindustrializzazione con la ricerca di aziende anche pubbliche per salvare mille persone dal baratro”. 





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *