I lavoratori Seus, 118 e gli autisti soccorritori scioperano per i loro diritti

di Giuseppe Mesi

Condividi questo articolo



Il messaggio arriva a gran voce dai lavoratori Seus, 118 e autisti soccorritori: tanti appelli e solleciti in un anno di pandemia, dalla pubblicazione sulla gazzetta regionale della finanziaria 2020, da dove si evinceva un bonus pro pandemia Covid a favore degli operatori sanitari, compresi i lavoratori della Seus 118, che ad oggi non ricevuto ottenuto l’applicazione della norma. La burocrazia ha ostacolato ancora di più la regolarità e la messa in atto della norma. “Tanta indifferenza ai piani alti dello stato, niente tutela per quegli angeli degli operatori Seus 118, e gli autisti soccorritori che hanno messo la passione per il proprio lavoro e non hanno ricevuto nessuna tutela”, dicono gli addetti ai lavori.

1

Immagine 1 di 6

Il Mud, espressione spontanea dei lavoratori del comparto 118 Seus Sicilia, si fa promotore di uno stato di agitazione: tra i rappresentanti  trapela stanchezza e sconforto, dopo un lungo  anno in cui tutti i lavoratori sono stati sotto pressione. Non si può più aspettare: è così scattato oggi lo stato di agitazione del comparto del 118 ad oltranza in tutte le sue metodologie, dal sit-in allo sciopero, alcuni anche in stato di agitazione, promosso d’intesa con le rappresentative sindacali di categorie COBAS, SANITA’ e CONFINTESA, UIL FPL. “Si chiede un incontro urgente all’assessorato alla Salute per trovare una soluzione quanto prima risolutiva per questi lavoratori Seus 118 e autisti soccorritori, anche nella tutela personale strutturale, delle ambulanze e che ottengano i giusti riconoscimenti per gli attenti e preparati soccorritori, che sono stati sempre in prima linea, nei momenti più difficili della pandemia, che con grande devozione e amore per il proprio lavoro, rischiando per dare il primo soccorso a chi ne ha avuto di bisogno. Adesso chiedono dignità per il lavoro svolto a sostegno dei tanti malati di Covid. Adesso è un diritto dare dignità a chi ha messo sempre il lavoro come priorità assoluta”. 





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *