La piccola “Pulcetta” protetta da un’autista soccorritore del 118

Condividi questo articolo






Mentre c’è chi nonostante l’emergenza da Covid19 ha festeggiato la Pasquetta con grigliate e assembramenti illegali, diventando untori del male,  ci sono anche gli angeli del 118 che si materializzano sulla terra. Una bella storia a lieto fine, vissuta in Sicilia, nel territorio catanese, dove  uno dei tanti autisti soccorritori del 118 , sempre vicini pronti ad andare in soccorso di chi è meno fortunato, ha sostenuto una famiglia in difficoltà.

In questo periodo Pasquale i gesti di altruismo ed il forte amore per il proprio lavoro, l ‘esperienza maturata, messa in campo dall’autista soccorritore del 118 che ha protetto una bimba, affidatagli dalla giovane mamma, preoccupata per le condizioni di salute della piccolina, la ha consegnata tra le sue braccia, non c’è tempo di guardarsi, ma solo di fidarsi di quella figura umana, resa anonima dalla tuta e dalle mascherine, in cui l’unico modo per comunicare è lo sguardo, non ci si conosce, ma non importa lo scopo: salvare più vite possibili, come “pulcetta”, il grazioso nomignolo che l’autista ha voluto dare alla bimba per cui ha tanto pregato, e per fortuna l’esito del tampone è stato negativo  con l’immensa gioia del soccorritore che ribadisce: “Sono queste le circostanze della vita  che ti fanno capire l’importanza della missione che svolgiamo, soprattutto in questo brutto periodo”.

Giuseppe Mesi











Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *