Da Gangi la raccolta fondi di quattro figli per curare la propria madre



Arriva da Gangi, un piccolo centro delle Madonie in provincia di Palermo, l’appello dei figli di Anna per poterla curare.
Felisia, Carlotta, Aldo e Giacomo hanno pubblicato l’appello e avviato una raccolta fondi sul sito gofundme.com (clicca qui per collegarti alla raccolta). 
I quattro giovani chiedono aiuto affinché si possa raggiungere l’obiettivo di 250.000€ per poter intraprendere un viaggio in Texas, dove ci sarebbe una prospettiva di cura per la madre.
Di seguito l’appello dei figli e il link per poter donare.

L’appello dei figli di Anna

«Siamo Felisia, Carlotta, Aldo e Jacopo, figli innamorati della propria madre ed è per lei che chiediamo il vostro aiuto, con l’intento di raccogliere i fondi necessari ad inseguire una speranza, l’unica speranza di guarigione che ci è stata prospettata da quando questo incubo è iniziato. 
Mamma Anna è una donna meravigliosa, instancabile, dedita alla famiglia e al lavoro, circondata da amici che la stimano ma che da quattro anni lotta contro un male che vorrebbe spezzarla.
Nel 2017 la diagnosi di tumore al seno che dopo due anni di terapie sembrava esser stato sconfitto, quando a maggio 2020 è tornato più forte e spregevole che mai. Quel tumore ha dato vita ad una rara metastasi alla pleura che ha continuato ad espandersi anche alle ossa.
Le terapie finora effettuate in Italia offrono al massimo tentativi per bloccare o cronicizzare la malattia.
La speranza è invece che riesca a seguire una cura promettente, mirata e all’avanguardia in America,a Houston in Texas,con il dottor Salem ma purtroppo i costi sono molto elevati.
Si tratta della ICTriplex, protocollo che quindi darebbe una prospettiva di cura e una chance di vita.
Una luce in fondo al tunnel.  
Vogliamo che la nostra mamma torni a gioire e a godere della vita, riaccendendo la luce dei suoi occhi profondi e intensi come la sua anima».





Condividi questo articolo

2 thoughts on “Da Gangi la raccolta fondi di quattro figli per curare la propria madre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *