Torna al porto di Termini Imerese una nave carica di Petcoke

IL COMUNICATO DEL GRUPPO DI FRATELLI D’ITALIA

Condividi questo articolo



Il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Licia Fullone

«Ieri 9 febbraio è arrivata a Termini Imerese un’altra nave per scaricare PETCOKE – scarti della lavorazione del petrolio – sulla banchina “Veniero” del Porto –si legge nella nota di Fratelli d’Italia -. Il 9 dicembre scorso, dopo l’interrogazione del consigliere comunale di Fratelli d’Italia Licia Fullone, l’Amministrazione comunale si era impegnata a vigilare su questa attività. L’assessore Preti aveva persino ipotizzato che la relativa Autorizzazione Unica Ambientale rilasciata dal Comune fosse “incompatibile” con l’attuale Piano Regolatore del Porto.
Quello stesso Piano che, sembrerebbe, l’Amministrazione Terranova vorrebbe modificare, forse per renderlo più “gradito” alla Autorità Portuale di Sistema del Mare Occidentale.
La stessa Autorità Portuale che ha deciso di sospendere, a tempo indeterminato, lo scarico di petcoke nel Porto di Palermo – conclude la nota -. Riteniamo che l’Amministrazione comunale debba esercitare una maggiore azione di controllo e monitoraggio delle attività potenzialmente pericolose per l’ambiente e la salute pubblica, imponendo anche l’adozione di misure di prevenzione e protezione più restrittive, a tutela della nostra Comunità».

Le foto della nave sulla banchina “Veniero” del porto di Termini Imerese

WhatsApp-Image-2021-02-09-at-14.33.47

Immagine 1 di 4

 





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *