Montemaggiore Belsito celebra la tradizionale quindicina

Condividi questo articolo






L’annuncio di padre Tato della parrocchia di Sant’Agata V.M. di Montemaggiore Belsito 

Giunge l’appuntamento dell’anno più importante dopo la festa del Crocifisso, che ci riporta alle origini della nostra comunità.
Sarà una quindicina diversa?
Certo non potremo fare i pellegrinaggi comunitari con l’appuntamento a santa Fara ma a dire il vero questo è un uso recente. Ognuno andrà al santuario come può o vuole, sebbene per sé la forma più propria del pellegrinaggio è quella a piedi.
Certo, anche all’aperto durante la messa dovremo mantenere le distanze di sicurezza e indossare la mascherina e questo non è propriamente bello ma è assolutamente necessario e allora faremo una deroga a ciò che ci piace per fare ciò che è utile…
La vera diversità però sarà sul tema, l’educazione!
Per necessità abbiamo dovuto rinunciare a tutte le attività parrocchiali per mesi, la stessa necessità che ha portato alla chiusura delle scuole, delle attività artistiche, del mondo dello sport. Ma cosa ne è venuto fuori? Nessuno sta mettendo in evidenza un aspetto drammatico della situazione presente, quello etico. Una nuova morale immorale si va legittimando nel cuore di tanti e soprattutto delle nuove generazioni: quel che conta è solo il divertimento. Non sono mesi di crisi solo economica ma di crisi umana. A mancare è la buona educazione mentre tutte le agenzie diseducanti sono in piena attività. L’ozio è l’unica regola.
Scrivo con amarezza perché so che tanti metterete i soliti mi piace ma quasi per compassione…
Una quindicina diversa perché dedicata alle realtà più mortificate non dal lock down ma dalle fasi successive, dalla situazione presente, dal liberi tutti che di fatto è in piena attuazione.
Venga chi vuole, come sempre… La Madonna attende tutti i suoi figli, ma quest’anno non basta pregare lei, quest’anno serve l’impegno di rieducare il nostro paese.

Il programma 

Le indicazioni da seguire per i fedeli

💒 Qualche indicazione pratica sulla partecipazione alle messe presso il santuario durante la quindicina della Madonna degli Angeli.

📍1. Le celebrazioni si svolgeranno all’aperto nello spiazzale di proprietà della chiesa.

📍2. Sarà comunque necessario indossare le mascherine e mantenere il distanziamento sia che si abbia a disposizione una sedia sia che si resti in piedi.

📍3. Dentro la chiesa saranno a disposizione alcuni posti a sedere per i disabili e per persone anziane che ne abbiano necessità.

📍4. L’ingresso al santuario per la venerazione dell’immagine della Madonna sarà contingentato e regolamentato dal gruppo dei volontari. Si accederà dalla porta della chiesa e si uscirà da quella della sacrestia.

📍5. Il giorno dell Assunta presso il santuario oltre le celebrazioni dell’aurora e delle ore 22,00 ce ne sarà una alle 19,00. La preghiera è di suddividersi nelle diverse celebrazioni.

Le regole ci aiuteranno a fare in modo che tutto si svolga con ordine e sicurezza. Un po’ di pazienza e un po’ di prudenza… In fondo entrambe sono virtù.

Articolo a cura di Giuseppe Mesi










Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *