Cruillas, Piano Particolareggiato “Trabucco”, Giaconia: “Ancora non si sa nulla sul prolungamento di via Roentgen”

Condividi questo articolo

“Sono iniziati i lavori di realizzazione dell’area produttiva prevista nel piano con l’apertura del primo cantiere per la costruzione dell’edificio per il Discount Eurospin, mentre della realizzazione del prolungamento di via Roentgen non si sa nulla”, a dirlo è il consigliere comunale, Massimo Giaconia del gruppo Avanti Insieme a Palermo.

Condividi questo articolo






Sono iniziati i lavori di realizzazione dell’area produttiva prevista nel piano con l’apertura del primo cantiere per la costruzione dell’edificio per il Discount Eurospin, mentre della realizzazione del prolungamento di via Roentgen non si sa nulla“, a dirlo è il consigliere comunale, Massimo Giaconia del gruppo Avanti Insieme a Palermo.

Hanno avuto, infatti, inizio i lavori volti alla realizzazione dell’area produttiva e commerciale di cui al Piano Particolareggiato in zona “D2” denominato Trabucco, approvato dopo un travagliato iter protrattosi per anni, “non si può tuttavia non esprimere grande preoccupazione per l’inquietante silenzio che deriva dal mancato inizio delle attività volte a realizzare il prolungamento della via W. K. Roentgen, così come previsto dall’emendamento n. 1 e dagli O. d. G. approvati ed inseriti nella Deliberazione di Consiglio Comunale n. 54 del 20.02.2019“, così scrive il consigliere comunale, Massimo Giaconia, in una nota indirizzata all‘Assessorato Rigenerazione urbana e per conoscenza al Sindaco, con la quale chiede altresì precise indicazioni sulla data di inizio degli impegni assunti dall’Amministrazione comunale.

“​Il collegamento della via W. K. Roentegen al viale Regione Siciliana è assolutamente necessario – continua il consigliere Giaconia – a snellire l’intenso traffico che già soffoca le strette strade del quartiere Cruillas dove insistono l’ospedale Cervello, l’Agenzia delle Entrate insieme a numerosi plessi scolastici , area che altrimenti rimarrebbe “paralizzata” alla luce delle nuove esigenze della mobilità urbana che sorgeranno a completamento del Piano particolareggiato”, conclude Massimo Giaconia.








Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *