Cellulari trovati ai detenuti dell’Ucciardone, indagini in corso

Condividi questo articolo






Dieci piccoli cellulari sono stati trovati nel carcere Ucciardone di Palermo. Erano nascosti dentro le celle. Gli agenti della polizia penitenziaria sono riusciti a scovarli nel corso di controlli effettuati.

Sono in corso indagini per accertare come i telefonini, alcuni dei quali con la possibilità di connettersi ad internet siano entrati nel penitenziario.

“Stiamo cercando di verificare come siano stati portati dentro – dice le direttrice del carcere Giovanna Re – In alcune zone del penitenziario le mura sono più basse e forse è anche possibile lanciare questi piccoli oggetti dall’esterno. Stiamo valutando ogni possibilità.

Al momento dopo le giornate burrascose di questi giorni la situazione è un po’ di calma. Potenzieremo i colloqui telefonici e con skype. In questo caso la tecnologia deve essere d’aiuto. Al momento la struttura carceraria è protetta e così deve restare. Sarebbe davvero molto difficile convivere con l’infezione all’interno del penitenziario. Per questo sono stati ridotti i colloqui”.

 











Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *