Sono 346mila i disoccupati: è caos nelle misure di politiche attive del lavoro

Condividi questo articolo






In Sicilia e a Palermo settori tradizionali in forte sofferenza
cresce il lavoro solo nelle imprese innovative e tecnologiche
ma ci sono ben 346mila disoccupati da impiegare.

Consulenti lavoro di Palermo: nostri clienti offrono 1.300 posti
ma per gli under 35 si accavallano 4 misure di incentivi
e per gli over 36 solo il reddito di cittadinanza che non funziona

“I Consulenti del lavoro di Palermo sono 
in prima linea, con iniziative proprie e con la disponibilità a 
collaborare con le istituzioni, per contribuire a ridurre la terribile 
piaga della disoccupazione che in Sicilia affligge, dato Istat allo 
scorso 30 giugno, 346mila cittadini, pari ad un tasso del 20% contro 
il 9,8% medio nazionale”. Lo ha detto oggi a Palermo Antonino Alessi, 
neopresidente dell’Ordine dei consulenti del lavoro del Capoluogo 
dell’Isola, che, nel concludere il convegno sulle misure per il lavoro 
contenute nella Legge nazionale di bilancio 2020, ha annunciato: “Le 
imprese palermitane nostre clienti ci hanno comunicato un fabbisogno 
di personale per i prossimi mesi pari ad un totale di circa 1.300 
figure professionali, soprattutto nei settori terziario, ristorazione 
e startup, e noi ci siamo messi all’opera, tramite la rete della 
Fondazione consulenti per il lavoro, per selezionare i curricula e 
attingere alle misure vigenti di politica attiva del lavoro”.
Ma Alessi aggiunge che “solo un poderoso sforzo di razionalizzazione 
delle norme e delle risorse, frutto di una sinergia tra istituzioni, 
professionisti e imprese private, potrà davvero intaccare un bacino di 
senzalavoro che si trascina dagli anni Ottanta”. In questo senso, i 
dati tracciano un nuovo scenario che richiede un approccio diverso, 
più orientato a sostenere i settori innovativi.
In Sicilia, secondo l’ultima elaborazione dell’Osservatorio economico 
di Unioncamere regionale aggiornata allo scorso 30 settembre, sono 
attive 467.447 imprese che occupano un milione e 92mila addetti, e nel 
terzo trimestre il saldo tra imprese nate e cessate è positivo per 
1.017 unità. Ma le attività tradizionali sono in sofferenza. A parte 
l’agricoltura che dà lavoro a 129.021 siciliani e che mostra un saldo 
positivo di 446 aziende, e il settore del noleggio auto e agenzie di 
viaggi nel quale sono occupati 56.276 soggetti con 60 nuove attività, 
tutti gli altri comparti tradizionali registrano un collasso nel 
numero di aziende.
Per fortuna, osserva Unioncamere Sicilia, si è aperta una nuova 
prospettiva nell’economia regionale. Infatti, l’unico settore che sta 
mostrando da alcuni trimestri costanti segnali di forte vitalità, 
soprattutto a Catania, Palermo e Messina, è quello delle imprese 
innovative e tecnologiche (Ict, Tlc, Ricerca, Servizi alle imprese, 
Retail e informatica, e così via), che da solo impiega già 43.035 
unità, soprattutto giovani laureati e diplomati, e che ha chiuso il 
terzo trimestre 2019 con un saldo attivo di ben 2.186 nuove realtà 
imprenditoriali. Lo scenario della provincia di Palermo conferma il 
trend: su 98.201 imprese attive con 238.496 dipendenti, solo 
l’agricoltura (10.926 braccianti) cresce di 28 aziende e gli altri 
comparti sono in negativo, a fronte di 560 nuove imprese dei settori 
innovativi che danno lavoro a 9.224 persone, pari al 5% del totale 
della provincia.
Ma a volere incentivare le assunzioni nei settori a maggiore richiesta 
di personale, si pone il problema del caos di norme e di somme 
stanziate.
Paolo Bonini, consulente del lavoro di Roma e docente alla Gema 
business school, ha illustrato le misure contenute in Manovra per 
creare nuova occupazione: proroga al 2020 ed estensione ai contratti 
stipulati nel 2019 del Bonus assunzione giovani under 35 e del Bonus 
occupazione Sud, incentivi a investimenti nella formazione 4.0 e 
all’apprendistato di primo livello, esoneri contributivo per 
l’assunzione di atlete professioniste da parte di società sportive 
femminili, credito d’imposta su investimenti tecnologici, sblocco del 
credito d’imposta per il rientro in Italia dei “cervelli”, 
potenziamento del fondo per la riorganizzazione dei Centri per 
l’impiego.
“Azioni sicuramente positive – ha commentato Vincenzo Silvestri, 
presidente della Fondazione consulenti per il lavoro – che però, 
nell’attuale visione schizofrenica delle politiche attive del lavoro, 
in Sicilia porteranno caos. Infatti, da gennaio un’impresa siciliana 
che vorrà assumere ricorrendo a incentivi avrà a disposizione, per i 
giovani under 35, una sovrapposizione di quattro incentivi (Garanzia 
Giovani, bando per le donne, Bonus assunzione Giovani e Bonus Sud), 
col rischio di disperdere risorse in più rivoli e di non riuscire a 
utilizzarle tutte; mentre per gli over 36 non ci sono misure. Solo il 
Reddito di cittadinanza, misura sociale che non riesce ancora a 
trasformarsi in misura di politica per il lavoro”.
Riferisce, a proposito, Silvestri che “sui 2 milioni di soggetti 
coinvolti, solo 700mila sono occupabili e quasi la metà di questi 
presenta enormi problemi sociali; ma ai 200mila già convocati dai 
Centri per l’impiego è stato fatto solo il profilo, mentre per firmare 
il Patto per il lavoro saranno riconvocati nel 2020. Infatti, in 
attesa che sia realizzata la banca dati informatica unica per 
l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro, ancora non è operativo 
l’Assegno di ricollocazione, cioè la ‘dote’ con cui pagare i servizi 
per l’inserimento occupazionale. Non è esatto, quindi, affermare che 
già 18mila percettori di Reddito sono stati assunti: si è scoperto che 
sono soggetti con precedenti esperienze lavorative, che per lo più ora 
hanno trovato un impiego autonomamente e presso datori di lavoro che 
non hanno neppure potuto beneficiare dell’incentivo perché è stato 
sbloccato solo adesso”.


 in foto: da sx, Antonino Alessi e Vincenzo Silvestri









Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *