Ribaltata sentenza del tribunale di Termini Imerese: assolto cantoniere

3 min read

Rimani sempre aggiornato


Nella giornata del 28 Marzo 2024 è stata ribaltata dalla seconda sezione della Corte d’Appello di Palermo  la sentenza di primo grado pronunciata dal tribunale di Termini Imerese giudice dottor Vittorio D’Antoni Alcamo, con la quale erano stati condannati il capo cantoniere Arena Antonio ed il cantoniere Botindari Sebastiano, accusati di duplice omicidio colposo per la morte di Maria Santa Colantoni e Carmelo Colantoni, avvenuta il 16 ottobre 2016, a seguito di un incidente stradale sulla provinciale 52 nel territorio di San Mauro Castelverde.

In primo grado, i due imputati erano stati condannati ad anni due di reclusione, mentre erano stati assolti i due ingegneri del settore di viabilità dell’ex provincia di Palermo, Elio Venturella e Salvatore Pampalone.

In secondo grado, la Procura Generale aveva richiesto la conferma della sentenza di primo grado, mentre il difensore del cantoniere Botindarti Sebastiano, avvocato Raffaele Delisi, nella sua arringa difensiva ha illustrato il proprio atto di appello, che meticolosamente aveva sviscerato gli errori del primo giudice, riuscendo a dimostrare che le omissioni contestate in primo grado non riguardavano le mansioni di competenza del suo assistito.

La sua tesi difensiva è stata accolta.

All’esito di una articolata Camera di Consiglio, la Corte d’Appello sez. 2 di Palermo ha assolto il cantoniere Botindari Sebastiano con la formula per non aver commesso il fatto, dunque riformando in parte la sentenza di primo grado, riservandosi di depositare la motivazione entro 90 giorni.

Il commento dell’avvocato Raffaele Delisi:«Alla luce dell’esito del processo posso ritenermi soddisfatto, seppur non posso non sottolineare la complessità dell’assistenza legale rivolta ad un uomo perbene che mai era entrato in un’aula di Giustizia e che stava per essere travolto dai meccanismi tortuosi dei tecnicismi giuridici».
CONTINUA A LEGGERE SU HIMERALIVE.IT


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Leggi anche

Altri articoli: