Tutto pronto per l’appuntamento con i “Ritratti di Santi” edizione 2024

3 min read

Rimani sempre aggiornato


Ritratti di Santi 2024
Tutto è pronto per l’appuntamento annuale con i “Ritratti di Santi” – l’itinerario quaresimale
del Movimento Ecclesiale Carmelitano – con la collaborazione, a Palermo,
dell’Associazione Il Giardino Onlus.

Tutto è pronto per l’appuntamento annuale con i “Ritratti di Santi” – l’itinerario quaresimale del Movimento Ecclesiale Carmelitano – con la collaborazione, a Palermo, dell’Associazione Il Giardino Onlus.

L’edizione di quest’anno passerà in rassegna tre figure di santi: Santa Edith Stein, Santa

Mariam Baouardy, la Venerabile Madeleine Delbrêl.

A far da cornice all’iniziativa – patrocinata dall’Arcidiocesi di Palermo e dal Santuario Madonna dei Rimedi di Palermo – sarà lo stesso Santuario, splendida chiesa la cui prima edificazione fu voluta nel 1072 da Ruggero I° di Sicilia Gran Conte.

Il programma degli appuntamenti – che avrà cadenza settimanale – prenderà l’avvio con la lettura del ritratto di Santa Edith Stein sabato 2 marzo 2024 alle ore 19.00.

Un percorso, quello dei Ritratti di Santi, giunto quest’anno alla 38° edizione: era il 1986 quando ha avuto inizio, svelando alla Comunità Ecclesiale i profili curati da Padre Antonio Maria Sicari. Un appuntamento ultra decennale che si è ripetuto, nel tempo, in diverse città d’Italia e d’Europa: Adro (BS), Alcamo, Arese (MI), Catania, Enna, Firenze, Lecco, Paderno (BS), Palermo, Roè Volciano (BS), Roma, Trento, Treviso, Verona, Bruxelles e Bucarest.

Nato nel 1943, sacerdote dal 1967, P. Antonio Maria Sicari appartiene alla Provincia Veneta dell’Ordine dei Carmelitani Scalzi, al cui servizio ha svolto l’ufficio di docente per alcuni corsi di teologia dogmatica e di spiritualità (presso lo Studio Teologico Carmelitano di  Brescia), come pure il compito di maestro dei novizi e di superiore provinciale. Dal 1981 al 1989 è stato direttore della redazione italiana della rivista “Communio”, continuando anche negli anni successivi a scrivere articoli e saggi.

Nel 1993 P. Antonio Sicari ha fondato il Movimento Ecclesiale Carmelitano – un’esperienza di comunione tra religiosi e laici che, nel rispetto delle reciproche vocazioni, promuove la condivisione delle ricchezze dottrinali dell’antico carisma carmelitano – attualmente diffuso in varie città d’Italia e in nazioni come la Romania, il Belgio, il Libano, la Lettonia, gli Stati Uniti, la Colombia. Consultore della Congregazione per il Clero della Santa Sede dal 2003, P. Sicari ha pubblicato numerose opere di agiografia (quattordici volumi di “Ritratti di Santi”, per un totale di circa 140 profili) e di teologia spirituale ricevendo, nel 2011, il Premio Narducci – in occasione della Festa annuale del quotidiano “Avvenire”.

Leggere la vita dei santi equivale a frequentare quella scuola dei talenti – afferma Carmelo Carollo, responsabile della Comunità palermitana del Movimento Ecclesiale Carmelitano – dove ogni uomo può imparare a trovare gli spunti necessari per scoprire le sue inclinazioni e passioni, dove può conoscersi fino in fondo per “costruirsi” come persona e nella comunità. In quella scuola dei talenti trova un maestro straordinario: Gesù. Spesso pensiamo che la santità vada cercata nella direzione opposta ai nostri limiti e alle nostre ferite e debolezze. La santità invece non si trova in un luogo diverso dalla fragilità. È nel momento in cui siamo deboli e feriti che ci troviamo vicini alla santità. È nel momento in cui ci schieriamo con i deboli e con gli scartati che ci troviamo vicini alla santità. La santità è la riscoperta di quella fame di Vita e di Infinito, capace di rispondere alle domande che non hanno risposte semplici, ma che, come una bussola, possono orientare la nostra esistenza. Per questo vi aspettiamo”.
CONTINUA A LEGGERE SU HIMERALIVE.IT


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Leggi anche

Altri articoli: