Santo Stefano di Camastra: l’associazione il percorso verde di Karol realizza la III edizione del meraviglioso villaggio di Babbo Natale FOTO E VIDEO

5 min read

Rimani sempre aggiornato


La Sicilia inizia a colorarsi di gioia per l’arrivo Santo Natale. Tanti i luoghi che si trasformano in meraviglia, in stupore, che fanno sognare i bambini ad occhi aperti immaginando l’arrivo di Babbo Natale e degli elfi, sulla grande slitta trainata da renne che ogni anno lascia dei doni sotto l’albero. Ma anche gli adulti, si lasciano prendere ancora dal fascino intramontabile delle luci della bellezza di questo momento nonostante le difficoltà e i problemi quotidiani. Si è comunque sempre alla ricerca di atmosfere che scaldano il cuore, che danno ancora gioia , serenità e messaggi speranza, che spingono all’entusiasmo coinvolgendo più animi. Ed è così che quei temi tradizionali di festa , fra i preparativi, gli effetti di luce, le canzoni tipiche e tutto ciò che caratterizzano forse il momento più bello dell’anno, creano ogni qualvolta il sorriso, la contentezza. 

eaCdazxvJ4i2oMxktrg6frAEtJQ-7sx8N4WzUbLjBRc_plaintext_638369738723839352

Immagine 1 di 24

 Il villaggio di Babbo Natale di Santo Stefano di Camastra, giunto alla sua terza edizione, è realizzato in più angoli meravigliosi che sembrano trasportare davvero nel laboratorio di Babbo Natale e nella sua casa piena di elfi. I dettagli, molto curati, fatti a mano e con materiali di riciclo,  si vede davvero che sono amorevolmente nati con l’idea di stupire e per far immergere nella bellezza del Natale. Luci, addobbi vari, la scrivania da dove si può inviare la letterina a Babbo Natale, pony, caprette, decorazioni, festoni, dolci, caramelle, street food, canzoncine di Natale, Babbo Natale che aspetta i bambini seduto sulla sua poltrona, una grande slitta ricoperta di peluche, gonfiabili, casette dove poter giocare addobbate, e tanto altro, questo villaggio è davvero un luogo meraviglioso dove potersi soffermare e dove chi non lo è più può tornare ad esserlo o meno per un giorno.

Tutto frutto instancabile lavoro d’ impegno  di Concetta Catanzaro, detta Cetty, che è una grande artista del luogo, infatti ha studiato arte al liceo, e per fare tutto ciò si è totalmente ispirata dal grande amore per la figlia Karol , una bambina che è davvero molto speciale e tanto sensibile a cui è dedicato il percorso verde di Karol, un’associazione benefica di cui Cetty è presidente e fondatrice, che ha sempre cercato con le sole e proprie uniche possibilità economiche, di poter dare un contributo sociale fatto di tanti sorrisi, affetto ed immenso calore a quanti più bambini che si trovano in difficoltà, ed alle loro famiglie alleviando così i momenti di fragilità e di debolezza da dover affrontare offrendo loro  gesti di grande generosità, senso d’ altruismo e di umanità.

Il percorso verde di Karol si prefigge di creare laboratori di Hippo pet orto therapy, inclusione sociale , psicoterapia, divertimenti, laboratori e molto altro per i piccoli.

È un poter estendere solidarietà e sostegno in più occasioni, piccoli momenti di convivialità comune, regalando gioia e serenità   realizzando quanti più eventi e manifestazioni per bambini fatti di spensieratezza e svaghi che assecondano lo speciale mondo della fantasia, dei sogni e della creatività, tipici dell’infanzia.

“Ci sono tanti bambini speciali -racconta Cetty – e questo loro essere ” unici” non deve essere vissuto come una vergogna per quei genitori a cui sembra invece di aver ricevuto un castigo e soffrono con tanto patimento la loro condizione, soprattutto nel vedere i loro bambini “‘diversi”.

C’è un destino che assegna dei genitori a dei bambini e quest’ultimi proprio a delle figure in riferimento fondamentali per la loro vita destinati proprio a quei visi, quelle mani indifese che hanno bisogno di amore, conforto, grande amore in supporto alla loro tenerezza, fragilità e anima pura. Questo diventa una missione, non una condanna anche se per molti è vista così. È vero, che ci vuole tanta forza d’animo, però il grande amore per i propri figli, il vedere i loro volti poi dopo tanto impegno, felici, ripagati, compensa tanti momenti di dolore, tanti momenti di fatica in cui si pensa anche molte volte di non farcela. Poi, la solidarietà che nasce, che si viene a creare anche in questi incontri, in questi momenti, crea un grande affiatamento ed un senso di unione che dà ancora più forza, più carica. È un continuo prendersi cura dell’altro, un sentirsi in di più ed un condividere continuo in quei pezzi di vita, in quei ponti sui torrenti più torbidi sospesi sull’ acqua alta che comunque vanno superati e che che dopo essersi varcati portano sempre dall’altra parte. Ogni figlio è un dono e questo dono viene sempre dal cielo. Noi tutti siamo esseri di luce e scendiamo sulla terra per ricevere una lezione- conclude la mamma di Karol- facendo intendere che nonostante le tante difficoltà e messe alla prova della vita ha avuto sempre tanto coraggio e forza di andare avanti nonostante gli impedimenti, gli ostacoli, i momenti di ansia, esasperazione e scoraggiamento che però sono stati sempre in minima parte rispetto all’immenso amore verso sua figlia ed è solo questo che le ha permesso di andare sempre avanti e a testa alta. 

 

Cetty e Karol ci tengono a ringraziare da Franco a Porto Marino, il barber Giacomo, Lucio Volo, Catanzaro Hair beauty, Angelo il cinese, l’atelier di Francesca Marchese, l’associazione Nemhia, Salvatore Imbordino, Domenico Gariti, Umberto Giuffrè, Giovanni trovatello, il team dei Tre quarti e na gazzusa, il signor Armando della ditta Ibba, Salvatore Famucaro, Graziella cianciolo, Roberta Musazza, Dalila Salvaggio, Giuseppe Mesi, Francesco Gentile, gli artisti Tony Sperandeo, I Cugini di Campagna, Alessandra Tripoli, e poi Filippo Fratantoni, Mariella Gerbino, Padre Calogero, l’ Onorevole Elvira Amata, l’avvocato Pippo Martino, il sindaco, Francesco Re e il vicesindaco Fausto Pellegrino, l’assessore Alessandro Amoroso, gli assessori Torcina e Rampolla, il Presidente del Consiglio Scattareggia, tutti i consiglieri, i dipendenti comunali, il comandante dei carabinieri Adolfo Donatiello, i marescialli Rizzo e Ieracitano e tutta la compagnia dei carabinieri di Santo Stefano , tutto il personale medico, soccorritori del 118 del locale presidio di guardia medica, è certamente tutti coloro che hanno visitato il villaggio di Babbo Natale.

 

 

 

 
CONTINUA A LEGGERE SU HIMERALIVE.IT


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Leggi anche

Altri articoli: