Cerda, don Massimiliano Turturici e gli “Scialacori” portano in scena ”Cunti e canti ri Natali”




Don Massimiliano Turturici, il Cantastorie di Dio, ha portato in scena ”Cunti e canti ri Natali”, Una sentita rappresentazione del racconto della Natività e dei canti tipici del Natale, in lingua siciliana. Versi straordinari per la straordinaria vita di Gesù. Il siciliano, con la sua ricchezza di suoni unita alla vivacità ed intensità di espressioni, dà al racconto della natività uno speciale taglio emotivo che coinvolge tantissimo lo spettatore.

Il tutto accompagnato dai grandi talenti degli “Scialacori”, bravissimi artisti del canto dialettale.

Don Massimiliano Turturici ha fatto breccia nel cuore degli spettatori, portando il messaggio di speranza del vangelo, i valori della fede e dell’amore.

Presenti il Sindaco di Cerda, l’On.Salvo Geraci che ha sottolineato come “U Cuntu di Natali” abbia impreziosito il ricco cartellone di eventi del Natale Cerdese, ed il Parroco di Cerda, Don Domenico Bartolone che ha preannunciato che Padre Massimiliano Turturici celebrerà la Santa Messa per la Festività del Compatrono di Cerda, San Giuseppe.

Tante le pubblicazioni di Don Massimiliano Turturici, Tutte in lingua siciliana ed espressi con una così grande emozione che induce il lettore a soffermarsi su tanti spunti di riflessione. U cuntu ru principinu. La magia del Piccolo Principe in un «cuntu» siciliano, Duluri. Il dramma dell’uomo, la sapienza di Dio, Lu cuntu di Natali. I Vangeli dell’infanzia in versi siciliani, Rusulia. Cuntu sulla vita della Santuzza di Palermo, La mia puisia.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it






Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!