Termini Imerese “Giardino di Sicilia”

A cura di Nando Cimino

Condividi questo articolo




C’è stato un periodo storico, purtroppo ormai lontano, in cui la nostra città era considerata come il “Giardino di Sicilia”. L’agricoltura era infatti molto fiorente e la frutta prodotta in gran quantità nelle nostre campagne era conosciuta ed apprezzata nella intera regione e non solo.

Lo deduciamo da questa nota della nostra amministrazione comunale del 1903, indirizzata alla direzione delle Ferrovie dello Stato, con la quale si chiedeva di ripristinare in un adeguato orario il servizio merci da Termini Imerese per Licata e Catania.

In particolare veniva testualmente lamentato che: “….con la impossibilità delle spedizioni della frutta si porterebbe un colpo gravissimo all’agricoltura (termitana n.d.a.) e a quasi tutto il paese agricolo che vive principalmente con la produzione della frutta….” (dgm19 pag 47/48)- 

In un analogo registro di qualche anno prima era pure riportato che: “ La frutta di questo comune trova il maggiore sbocco in Sicilia a Catania, Siracusa, Licata, Girgenti, Caltanissetta, Trapani e Messina, e nel continente nelle Calabrie e a Napoli. (dgm15/95) – Praticamente si evince che l’intera Sicilia, e non solo, consumava frutta proveniente da Termini Imerese e che l’agricoltura era il principale sostegno economico della città che in quegli anni aveva una popolazione di poco superiore ai 20.000 abitanti – Per la distribuzione ed il commercio locale era molto attivo anche “u scaru” che si trovava nella parte bassa di Termini.

Qui veniva portata tutta la merce che era affidata ai concessionari che, a tale scopo, occupavano delle capanne che erano state loro assegnate dal comune.

Un registro del 1892 che ho scovato sempre tra le vecchie carte che si conservano nella nostra Biblioteca Liciniana, riporta i nomi di tutti coloro che ne erano concessionari e che qui vi trascrivo. Si trattava dei signori: Pace Salvatore, Conticelli Lorenzo, Demma Luigi, Di Stefano Antonino, Pizzuto Cosimo, Cosentino Mariano, Lanzarotta Salvatore, Zuccaro Antonino, Demma Luigi, Sgarlata Giuseppe, Badalì Antonino, La Manna Francesco, Crisanti Cecilia, Russitano Nicolò e Fratelli, Badalì Vincenzo, Pusateri Michele, Badalì Giuseppe, Geraci Vincenzo, Demma Agostino, Sodaro Giuseppe e Sodaro Cosimo.

Erano in tutto 21 e la concessione veniva rinnovata ogni cinque anni. Come vi dicevo il registro è del 1892 ed il posto in cui si svolgeva “u scaru” si trovava fuori Porta Messina; ed in quel posto, o nelle immediate vicinanze, rimase fin oltre gli anni cinquanta del novecento quando li vennero costruiti i nuovi uffici postali di Termini Bassa.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!