Giovanni Mattaliano, la simpatica poesia sulla crisi economica




Certamente, la crisi economica sta creando molti problemi, preoccupazioni. Lamentarsi è generale, ma fra chi protesta, ci sono quelli che impotenti si sono rassegnati e sperano che presto la situazione migliori un po’.

C’è chi preferisce ironizzare ricercando la speranza  spezzando il tempo e dimezzando l’attesa tentando di  distrarsi nel difficile. Il poeta palermitano Giovanni Mattaliano scrive così una simpatica poesia in vernacolo sull’aumento dei prezzi e il caro bollette facendo anche un piccola introduzione: 

 

Buongiorno 

Ora veni Natali
Semu senza dinari
ni liggemu u giurnali
E ni jamu a curcari

Ecco il mio albero

Albiru scunsulatu
Accattavu o mircatu
U pigghiavu a cambiali
Pi passari u Natali
Senza ‘ntinna e senza palli
E mancu picciuli p’accattali
Mi mannasti tanti tassi
E Puru l’aria mi tartassi
Pi pagari a televisione
M’appi a fari a fidejussioni
Pi trasiri m’Paliermu a ZTL
a pigghiavu n’mezzu i felle.
Mi firmò u puntunieri
E mi fici u papiellu
Viri chi gran sorti i burdiellu
M’arrivò a Tares
E a jivu a pagari a mbress
F 24 l’IMU
E chi pieri ‘n culu ci jivu
A munnizza jivu a pagari
E i naschi me attuppari
Puru i mutanni m’impignavu
E senza na lira arristavu

Giannuzzu.

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!