Viviamo tempi pesanti e abbiamo bisogno
di parole leggere e positive
in grado di darci un po’ di sollievo,
di accarezzarci l’anima.

Agostino Degas

Degas ha sempre lavorato sulla psiche e sull ‘introspezione. Grande aforista molto apprezzato, il suo è  un pensiero assai condiviso dove tanti si rivedono. Ma ciò che non ha evidenziato nel testo sopracitato, è un particolare che si potrebbe aggiungere, ampliando un po’ la sua espressione.

Ovvero che non sempre servono parole da leggere… A volte servono di più i gesti e la presenza fisica delle persone.  Vivere momenti da condividere, ricordare insieme dopo tempo. E si tratta anche quelli più semplici come parlare, confrontarsi su un argomento, raccontarsi qualcosa, uscire, fare una passeggiata, mangiare una pizza …non occorre una cena con piatti lambiccati o di gourmet in un posto molto sciccoso ed elegantissimo per stare assieme, ma contano di più quelle cose pratiche che riempiono davvero, che portano calore a  quella gente che ha bisogno di sentire realmente la vicinanza e l’affetto  in maniera avvolgente, attiva.

Serve la sostanza. Non la sola forma. Non è il piatto di contorno che sazia e nutre ma il piatto principale di portata.

Sono quelle cose normali che rendono perfetta una giornata da una comune alle altre. Questo è il vero ” sollievo” di cui parla Agostino Degas. È proprio quella condizione in cui dopo aver affrontato i tanti problemi di una giornata, dopo aver lavorato, sciupato energie, dopo essersi anche stancati, arriva poi quel momento in cui si può ritrovare piacevolezza e rilassamento nelle persone che si vogliono bene.

Queste sono le più belle carezze da ricevere.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it






Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!