Si tratta di un accredito previsto per alcuni cittadini che appartenevano alla seconda fase dei pagamenti Inps, in particolare, i beneficiari dell’indennità di disoccupazione agricola.

Bonus 200 euro: il 30 novembre ultimo giorno per richiederlo. Chi e come lo può fare

L’Inps ha chiarito che l’indennità una tantum contro il caro vita del decreto-legge aiuti uno avrebbe dovuto essere corrisposta ai lavoratori beneficiari di disoccupazione agricola di competenza 2021, che non percepiscono altre prestazioni di sostegno al reddito dallo stesso istituto, come ad esempio il reddito o la pensione di cittadinanza.

L’indennità una tantum di 200 euro e la disoccupazione agricola non vengono corrisposte insieme, con un importo già integrato, ma Inps le eroga in due date distinte.

I versamenti del bonus saranno dilazionati in due fasi: la fase uno, quella compresa tra luglio e settembre, che interessava: percettori di reddito di cittadinanza, pensione di cittadinanza, lavoratori domestici, lavoratori dipendenti, pensionati e la fase due, quella partita ad ottobre che terminerà nei prossimi mesi e che riguarda i percettori delle ex indennità covid-19, i beneficiari delle indennità di disoccupazione, i dottorandi, gli assegnisti di ricerca e lavoratori autonomi e liberi professionisti.

 

ll bonus 200 euro dal 2 dicembre non è la sola data, poiché l’istituto effettua i pagamenti per flussi, dunque, controllate sempre i fascicoli.

Per controllare il bonus 200, occorre accedere all’area riservata di My Inps attraverso un’identità digitale fra SPID, CIE o CNS, poi, una volta dentro, occorrerà muoversi in Prestazioni e Pagamenti ed entrare nella sezione apposita legata ai Pagamenti delle prestazioni previdenziali.

A chi non arriverà il sostegno contro il caro vita?

Non riceveranno l’indennità coloro che l’hanno già ottenuta, poiché percettori dell’indennità di disoccupazione agricola, nelle scorse settimane, oppure perché soggetti appartenenti ad un’altra categoria di percettori, come ad esempio beneficiari di reddito di cittadinanza, lavoratori domestici o pensionati e coloro che l’hanno già ricevuto ad altro titolo; i cittadini che non percepivano l’indennità di disoccupazione agricola di competenza 2021;le persone con redditi superiori a 35 mila euro lordi nel 2021.

Cosa fare se non si riceve il bonus  il 2 dicembre?

Potrete scrivere una PEC, oppure chiamare il Contact Center Integrato allo 06 164 164 da cellulare a pagamento secondo i costi del vostro operatore, oppure allo 803 164 gratuito da rete fissa. Inps risponderà dalle 8.00 alle 20.00 dal lunedì al venerdì e dalle 8.00 alle 14.00 il sabato.

In alternativa potrete contattare l’istituto sui social Facebook o Twitter su Inps Per la Famiglia o Inps in Ascolto. Infine, avrete la possibilità di prendere un appuntamento presso la vostra sede territoriale.

 

 

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!