Prete denunciato per violenze sessuali a Siracusa: nove anni di abusi su un giovane




A Siracusa un ragazzo di 21 anni ha denunciato un prete di Francofonte con l’accusa di violenza sessuale. 

La violenza si sarebbe perpetrata per anni, dai 9 ai 18 anni del ragazzo. Le prime segnalazioni del ragazzo sono state rivolte all’arcivescovo di Siracusa, monsignor Francesco Lomanto, che si è preoccupato di trasmettere la denuncia alla Curia, avviando così un’indagine e informando il Dicastero della Dottrina della Fede

In una nota della Curia leggiamo che il prete accusato si trovi ormai in pensione e che questa non sarebbe neanche la prima accusa contro di lui: «Quando l’arcivescovo di Siracusa, monsignor Francesco Lomanto, ha ricevuto la denuncia ha immediatamente avviato, agendo per delega, un procedimento penale canonico nei confronti del prete. Il sacerdote, adesso in pensione, è residente nella Diocesi di Siracusa senza alcun incarico. Lo scorso 31 ottobre il vescovo di Piana degli Albanesi ha già adottato nei suoi confronti un provvedimento di interdizione dall’esercizio pubblico del ministero».

Anche il sindaco di Francofonte, Daniele Lentini, si è espresso sulla vicenda: «Siamo sgomenti, la comunità è sgomenta. Invito la Procura a fare chiarezza, confidando nella Giustizia e chiedo al vescovo di prendere una posizione chiara sulla vicenda. In paese si vociferava di una denuncia, Francofonte è piccolo e so che il parroco dice ancora messa. Una cosa inaudita. A nome mio, dell’amministrazione comunale e dell’intera comunità, esprimo piena solidarietà e vicinanza a questo ragazzo».

In Sicilia questo non è il primo caso di denuncia a carico di un prete, infatti lo scorso gennaio è stato arrestato un ex prete di 83 anni di Augusta accusato di palpeggiare e baciare una fedele della sua parrocchia di 21 anni, quando si recava in sacrestia per confessarsi. 

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!