Tribunale Termini Imerese: morte del pilota Amendolia alla Targa Florio 2017, tutti assolti




Dopo cinque lunghi anni, si chiude una pagina buia del nostro amato sport. ll gip di Termini Imerese, Claudia Camilleri ha assolto dall’accusa di omicidio colposo il direttore della gara automobilistica Targa Florio 2017, Marco Cascino, il delegato all’allestimento del percorso, Antonio Pochini, e l’Aci difesi dagli avvocati Roberto Tricoli, Massimiliano Miceli per l’Automobile club Italia, Marco Baroncini e Francesco La Loggia.

I fatti risalgono al 21 aprile 2017, una giornata di pioggia insolita per quel periodo e nella prova speciale di Piano Battaglia, in un’uscita di strada autonoma, persero la vita il pilota Mauro Amendolia e un commissario di gara Giuseppe Laganà travolto dal veicolo guidato da Amendolia.

Il pilota era al voltante di Bmw Mini Cooper con a fianco la figlia, che era rimasta ferita. Secondo quanto hanno accertato le perizie non avrebbe allacciato le cinture di sicurezza morendo sul colpo dopo aver perso il controllo dell’auto.

Secondo l’accusa, gli imputati avrebbero dovuto vigilare ed accertarsi che venissero rispettate tutte le norme di sicurezza del percorso e quelle disposte per i piloti. Comprese le cinture. La figlia della vittima, che le indossava, si salvò. Non è dello stesso avviso il giudice che ha assolto gli imputati. Prosegue con il rito ordinario, invece, il processo a carico del presidente dell’Aci ed organizzatore della gara, Angelo Pizzuto. Della morte del commissario di gara, invece, è stato considerato responsabile solo Amendolia che lo travolse e uccise.

 

(Iscriviti gratuitamente al canale Telegram di Rally Time per ricevere le notizie sul tuo telefono LINK)


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!