Termini Imerese: approvati e finanziati i due progetti “I tesori delle nostre radici” e “A scuola di Stesicoro”




Con il decreto direttoriale numero 529 del 31 ottobre 2022, relativo all’ individuazione dei beneficiari, l’istituto comprensivo “Tisia di Imera” di Termini Imerese ha ricevuto l’approvazione di ben due progetti, di cui uno in rete con il liceo classico “Gregorio Ugdulena” di Termini Imerese, l’istituto comprensivo “Galileo Galilei” di Busto Arsizio e l’istituto comprensivo “Rettore Evola” di Balestrate, che è risultato il primo in Sicilia.

I progetti “I tesori delle nostre radici” e “A scuola di Stesicoro”

«Il progetto in rete dal titolo “I tesori delle nostre radici” farà diventare “scopritori” di tesori i nostri studenti che faranno riemergere i mestieri e le tradizioni che costituiscono il made in Italy e le eccellenze dei territori – spiega il dirigente dell’istituto comprensivo Tisia d’Imera, Antonina Raineri – al fine di abituare gli studenti a nuove visioni e nuove passioni e sollecitare la “restanza”, termine coniato per scongiurare la fuga dei cervelli dei nostri studenti o, per paradosso, l’immobilità dei giovani, che possano, invece, rimanere nella nostra terra e inventare nuovi spazi e nuove realtà, facendosi portavoce del recupero e della conservazione delle nostre tradizioni, in un’ottica di innovazione e di modernità».

 

IMG_20221104_105720

Immagine 1 di 11


«L’Istituto crede fermamente in una adeguata, scientifica progettazione didattica, che tenga conto dei problemi del contesto e del territorio, laddove l’operosità e l’intelligenza di ciascuno contribuirà ad avere una visione comune che conduca a diminuire il divario territoriale – continua il dirigente Raineri – Conseguentemente a questa visione, il progetto saprà innestare negli studenti quelle soft skills che solo se legate ai saperi disciplinari si riempiono di significato».

Il secondo progetto approvato è “A scuola di Stesicoro”.«Quanti di noi ne conoscono la storia, i dettagli, le vicende, il passato? Non si tratterà di fare la classica ricerca su “wikipedia” dove ormai tutti attingono per sapere tutto! – conclude la preside Antonina Raineri – Si tratterà di condurre uno studio attento e preciso con fonti attendibili che possano instillare nei giovani la passione per la ricerca».

 

Il decreto 

Himeralive.it -Decreto di individuazione dei beneficiari (1)


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!