Carabinieri operazione “Brasca”: sequestrati beni per oltre un milione di euro in provincia di Palermo




Le attività d’indagine finalizzate all’individuazione delle disponibilità economico-imprenditoriali riconducibili ad appartenenti all’organizzazione mafiosa “Cosa nostra” ed alla criminalità organizzata, svolte dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Palermo, hanno portato  all’emissione da parte della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo, che aveva accolto le richieste della locale Procura della Repubblica, di due provvedimenti di sequestro di beni per un valore complessivo di circa 1.000.000 euro a carico di Vincenzo Adelfio, nato a Palermo il 2.01.1932, e Salvatore Andrea Cintura nato a Palermo il 2.02.1989.

 Vincenzo Adelfio era stato tratto in arresto nell’operazione denominata “Brasca” con l’accusa di aver fatto parte della famiglia mafiosa di Palermo Villagrazia, in particolare per essere stato un punto di riferimento per l’imposizione delle estorsioni nell’area di influenza, riportando una condanna di primo e secondo grado ad anni 9 e mesi 4 di reclusione.

Il provvedimento di sequestro ha riguardato i seguenti beni, del valore complessivo di circa 290.000 euro, un’ abitazione sita in Palermo; quota pari a ¾ di un’abitazione sita in Palermo; quota pari a ¾ di una stalla sita in Palermo.

Salvatore Andrea Cintura era stato tratto in arresto nell’operazione denominata “Over” con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di frodi assicurative, con il ruolo di promotore, commesse con modalità cruente, provocando fratture a vittime “consenzienti”, reclutate in contesti di estremo degrado e povertà, riportando una condanna all’esito di giudizio abbreviato, confermata in secondo grado, ad anni 13 e mesi 2 di reclusione.

Il provvedimento di sequestro ha riguardato i seguenti beni, del valore complessivo di circa 710.000 euro: impresa individuale sita in Palermo con attività di commercio all’ingrosso si prodotti alimentari, bevande e tabacco;  4 magazzini siti in Palermo e  23 rapporti bancari.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!